Morte del nigeriano a Fermo: la politica ed i mass media han già il colpevole

Morte del nigeriano a Fermo: la politica ed i mass media han già il colpevole

In questo triste caso di cronaca nera,  è già stata emessa una "sentenza" nonostante l'autopsia sul povero nigeriano ed i controlli medici sul presunto aggressore diano risultati contrastanti dal racconto della moglie della vittima.

Quasi tutti i mass media certi che l'italiano abbia infierito per primo, intenti ognuno nel fare dichiarazioni prima che gli accertamenti iniziali vengano eseguiti , forse nella paura di essere tacciati di razzisti ad indicare una interpretazione diversa nel nome della ricerca della verità.

Certamente se venisse confermata l'offesa verbale alla moglie, sarebbe un fatto detestabile ma basta una offesa verbale per giustificare una rissa a colpi di cartelli stradali? Sempre e solo razzismo se vi sono litigi o risse gravi tra un italiano ed uno straniero? Fra italiani non succedono risse per cose banali od offese ogni giorno? Ci si uccide per un sorpasso o per una occhiata alla fidanzata. Deve sempre essere il razzismo ciò che fa scattare una rissa o diverbio fra un italiano ed uno straniero? Si litiga solo per razzismo fra etnie differenti?

 
Ecco cosa risulterebbe da alcune dichiarazioni mediche e di testimoni:

L'AUTOPSIA CONFERMA LA VERSIONE DELL'INDAGATO (E DEI TESTIMONI:

EMMANUEL È MORTO PERCHÉ HA SBATTUTO LA TESTA SUL MARCIAPIEDE, E NON È STATO COLPITO COL CARTELLO STRADALE. ANZI, LO HA USATO LUI

LA TESTIMONE: IL FERMANO, PRIMA DI SFERRARE UN PUGNO, È STATO ASSALITO E PICCHIATO DALLA VITTIMA E DALLA MOGLIE.

AMEDEO MANCINI,  È STATO GIÀ CONDANNATO DALL'OPINIONE PUBBLICA. LA VEDOVA CELEBRATA COME EROINA. MA LA VERITÀ È PIÙ COMPLICATA


IL RACCONTO DI LEI VIENE SMENTITO DA PASSANTI, VIGILI URBANI, MEDICO LEGALE.

Come mai in altri casi, quando il tristemente famoso KABOBO di etnia ghanese, già condannato a 20 anni per i tre omicidi a Niguarda non vi è stata tanta mobilitazione in difesa degli italiani aggrediti ed uccisi? Si usano spesso due pesi e due misure dai mass media in generale, specie a seconda di che impostazione politica hanno.

In altri casi di aggressioni verso italiani da parte di stranieri sembra quasi che la maggior parte dei mass media voglia dare sempre scusanti all'aggressore straniero per non turbare l'opinione pubblica ; come se ci fosse un timore nemmeno velato dalla stampa e tv in generale di essere etichettati come un media razzista o prevenuto verso gli stranieri ; addirittura in Germania a Colonia quando gli immigrati aggredirono in massa decine di ragazze qualcuno volle cercare la scusante del bisogno maschile di accontentare gli istinti sessuali , come se fosse un diritto naturale il "coito gratuito di stato";

Il giornalismo ha smesso di raccontare i fatti per quello che sono, dimenticandosi di quel minimo di garantismo;  i politici fanno a lotta fra loro per trarre giovamento elettorale in casi di aggressioni e reati dando la colpa all'immigrato o all'italiano in base a sensazioni ed ideologie;

Gli stessi capi di stato o di governo fino ai sindaci di paese decidono a seconda di come si svegliano  quale vittima sia da onorare o da condannare , in base a come la stampa carica più o meno una notizia danno la sentenza senza un processo e delle prove.


A seconda di quale telegiornale o mass media seguiamo esiste una versione innocentista ed una colpevolista avulsa dalla reale dinamica dei fatti, con sentenze immediate senza tenere conto dei protagonisti e di ciò che verrà accertato dagli inquirenti , gli unici che possono dare un quadro reale di ciò che è realmente avvenuto.

Oramai la parola moda è Razzismo. E l'italiano è un razzista per antonomasia, guai a non allinearsi!

AltraStampa
nella categoria Cronaca
Attendere...