Nel mio viaggio a Parigi sono molte le cose che ho potuto ammirare ed apprezzare della città.

Parigi è una città fantastica non per niente è stata soprannominata la città dell’amore o degli innamorati. Con la sua atmosfera, le vie caratteristiche, l’architettura unica e riconoscibile in tutto il mondo, e poi c'è la famosa Torre Eiffel che troneggia su tutto è davvero uno di quei luoghi di cui è impossibile non innamorarsi.

Il simbolo della città è sicuramente la Torre Eiffel,  e pensare che quando fu costruita per celebrare l’Esposizione Universale del 1889 di Parigi su progetto di Gustave Eiffel, uno dei più accreditati del  del periodo, molti parigini storsero il nasino all’insù definendola “una mostruosa opera di ferro”.

Ma durante la sua costruzione e soprattutto dopo il successo della sua inaugurazione e apertura al pubblico i nemici di Eiffel furono sempre meno, e finalmente l’ingegnere potè godersi la sua soddisfazione. Anzi si fece costruire un piccolo appartamento segreto nel terzo piano della Torre, da dove poter ammirare il panorama di Parigi dall’alto in completa solitudine e pace, quando la nobiltà e l’elitè di Parigi lo venne a sapere, diventò verde d’invidia , perché entrare in quell’appartamento era un vero e proprio onore.

Ma scopriamo insieme delle  piccole curiosità sulla torre : Composta da circa diciottomila pezzi metallici saldati insieme, pesa più di 7.000 tonnellate e poggia su quattro enormi piloni con basi di cemento. Fino al 1930 era il monumento più alto del mondo, superato poi dal Chrysler Building di New York.

Il primissimo progetto di una torre metallica per l'esposizione Universale di Parigi del 1889 non fu dell'ingegnere Gustave Eiffel, ma dei suoi collaboratori Koechlin e Nouguier. Inizialmente doveva essere costruita a Barcellona. Con la sua cima protesa verso il cielo, avrebbe fatto concorrenza alla Sagrada Familia di Gaudì. I primi visitatori della torre furono la famiglia reale inglese e l'attore Buffalo Bill.

Avrebbe dovuto essere smantellata dopo l'Esposizione Universale, ma le cose sono andate diversamente, fu risparmiata perché poteva fungere da ottima antenna per la trasmissione dei segnali radio. I gradini che compongono il monumento sono 1.710. Il giorno dell’inaugurazione, Eiffel salì a piedi tutti gli scalini per issare sulla cima della torre il tricolore francese.

Gli ascensori della Torre Eiffel percorrono all'anno 103.000 km, pari a 2 volte e mezzo la circonferenza della Terra. Una piccola curiosità sugli ascensori, facciamo un po' di storia.

Non esistono foto di Htler sulla Torre Eiffel...vi spiego il perché. Nel giugno 1940 la capitale francese viene occupata e vengono scattate le fotografie che ritraggono Hitler ai piedi della Torre Eiffel e non sulla torre, questo perché i tecnici francesi disattivarono gli ascensori e, in tal modo, Hitler doveva farsi gli scalini e per questo non salì, così le foto vennero fatte da un’altra parte, ai piedi della Torre Eiffel. Il guasto fu motivato dal fatto che, a causa della guerra in corso, era sostanzialmente impossibile trovare il pezzo di ricambio.

Poco dopo la partenza dei nazisti da Parigi, gli ascensori ripresero a funzionare. Possiamo dire che anche se Hitler occupò Parigi non ne conquistò la cima.

Continuiamo con le nostre curiosità. L'illuminazione della Torre Eiffel coinvolge circa 20.000 lampadine, creando una magia unica al mondo. Ha cambiato colore più volte. Inizialmente era rosso mattone, mentre nel 1899 fu dipinta di cinque colori diversi, dall'arancio al giallo. Dal 1968 è color bronzo, ma ogni sette anni necessita di una riverniciata per evitare il deterioramento dovuto alla ruggine. Per una superficie di 250 mila metri quadri sono utilizzate 60 tonnellate di vernice.

La struttura può accorciarsi di 15 cm in inverno per via delle basse temperature, mentre nei mesi più caldi può dilatarsi fino a 18 cm.

La Torre Eiffel vanta numerose riproduzioni: nel mondo si contano oltre 30 repliche del monumento. Tra le più originali quella del Texas, con un cappello da cowboy in vetta. Celebre quella di Las Vegas, parte del casinò Paris Las Vegas. Infine, anche l'Italia ha la sua Torre Eiffel: a Rutigliano, in provincia di Bari, è presente una piccola copia alta 27 metri.

Visitare la torre Eiffel è fare un viaggio non solo nella storia, ma anche nel desiderio dell’uomo di raggiungere il cielo. Dalle grandi piramidi ai voli sulla luna l’uomo ha sempre desiderato proiettarsi verso l’irrangiungibile e con la Torre Eiffel, sicuramente pur non raggiungendo il cielo ha però fatto sognare milioni di persone che visitandola si sono anche solo per un attimo proiettate verso l’alto, sentendosi almeno per una volta sulla cima del mondo.

 

 

P.s. Chi lo desideri può visitare visitare il canale Youtube di Marco Falzone, dove sono disponibili varie rubriche: dai viaggi alla cucina e molto altro. Il nome del canale è marco falz75 il link e disponibile nella descrizione del profilo utente