Induzione e favoreggiamento della prostituzione: tre nei guai nel salernitano

Induzione e favoreggiamento della prostituzione: tre nei guai nel salernitano

La Polizia Municipale di Capaccio Paestum, agli ordini del comandante Antonio Rubini, hanno deferito all’Autorità Giudiziaria tre persone per i reati di induzione e favoreggiamento della prostituzione.

I tre, padre, figlio e fidanzata di quest’ultimo, tutti di origini romene, avevano reclutato un’altra ragazza, anch’essa proveniente dalla Romania, inducendola a prostituirsi in un appartamento ubicato in località Laura.

Gli agenti della Polizia Locale, a seguito di un’articolata attività investigativa, hanno scoperto che, all’interno dell’abitazione, avveniva un via vai quotidiano di clienti provenienti da ogni angolo della provincia di Salerno.

Dalle indagini, inoltre, è emerso che anche la fidanzata del figlio, tra i promotori del “giro” con il padre, si prostituiva insieme all’altra ragazza, reclutata su internet e quindi fatta trasferire a Capaccio Paestum per prostituirsi.

Nel corso dell’operazione, gli agenti hanno rinvenuto anche una cospicua somma di denaro all’interno dell’appartamento, nel quale si svolgeva l’attività di meretricio, che è stato posto sotto sequestro.


L’operazione rientra nell’ambito dell’intensa attività di controllo su tutto il territorio comunale da parte della Polizia Locale, così come fortemente voluto dall’Amministrazione guidata dal Sindaco Franco Palumbo, che ha messo la “sicurezza” tra le priorità da garantire a tutti i cittadini di Capaccio Paestum. 

Antonio Citera
Categoria Cronaca
Attendere...