(di Vincenzo Petrosino, Salerno)  Credo che ognuno che abbia partecipato al M5s debba obbligatoriamente rendere pubbliche istanze e documenti mai ascoltati e a cui è mai stata data risposta. 

Il 29 maggio 2019 , dopo ripetute sollecitazioni e invio documenti su situazioni nazionali ambientali importanti a ministri e sottosegretari, inviai la seguente pec, come provocazione, alla quale come tante il M5s non ha mai risposto, evitando anche di far girare sui siti e sui social del Movimento ricerche e altro materiale, sempre di interesse nazionale.

Questa è la copia della pec provocazione e denuncia. Speravo almeno in una risposta, ma il M5s e lo staff a supporto non le hanno fornite, venendo meno  alle loro promesse e alle loro responsabilità.

Da "petro" <******@pec.it>
A "segreteria.ministro@mise.gov.it" <segreteria.ministro@mise.gov.it>
Cc "barbara.lezzi@senato.it" <barbara.lezzi@senato.it>, "agp-I@pec.minambiente.it" <agpI@pec.minambiente.it>, "m_inf@pec.mit.gov.it" <m_inf@pec.mit.gov.it>
Data mercoledì 29 maggio 2019 - 14:48

I: Comunicazione Urgente per i Sig. Ministri


Caro Luigi Di Maio attuale Ministro e capo Politico del Nuovo M5s ,
Non tenere conto delle varie problematiche ambiente e salute in Italia e del lavoro di chi ti ha sostenuto in passato è cosa gravissima.

Da attivista ti chiedo di dimetterti. Troppo sordo e cieco, tu e tutto lo staff.
Inoltre ti consiglio vivamente di richiedere le dimissioni di Cioffi.
Io non chiedo le dimissioni su facebook o sulla rete o su Rousseau, te le chiedo con Pec. Spero che abbia almeno il buon senso di andare a leggere le cose fatte per l'Italia e per la tua Napoli e non a farti raccontare le cose dai tuoi amici... che possa essere un inizio di un tuo esame di coscienza.

Vincenzo Petrosino Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia