Rapporto Osservasalute: Italia sempre meno al passo, al sud la maglia nera

Rapporto Osservasalute: Italia sempre meno al passo, al sud la maglia nera

 

Italia al 15esimo posto in Europa.

È evidente il fallimento del Servizio sanitario nazionale, anche nella sua ultima versione federalista, nel tentativo di ridurre le differenze di spesa e della performance fra le regioni.

Rimane aperto e sempre più urgente il dibattito sul ‘segno’ di tali differenze. Si tratta di differenze inique perché non ‘naturali’, ma frutto di scelte politiche e gestionali. È auspicabile che si intervenga al più presto partendo da un riequilibrio del riparto del Fondo sanitario nazionale, non basato sui bisogni teorici desumibili solo dalla struttura demografica delle Regioni, ma sui reali bisogni di salute, così come è urgente un recupero di qualità gestionale e operativa del sistema, troppo deficitarie nelle regioni del Mezzogiorno. 

Una sintesi della gravità in cui versa la sanità italiana nonostante alcune buone abitudini che cominciano a serpeggiare tra i cittadini.


Piccoli passi avanti  sugli stili di vita, aumenta la pratica sportiva, ma aumentano anche gli obesi e non diminuiscono i fumatori. Sono questi alcuni dei dati che emergono dal  "Rapporto Osservasalute 2017". 
In Italia si osservano livelli di cronicità e non autosufficienza tra gli anziani superiori alla media europea, a farne le spese sono soprattutto le donne. Non a caso l’Italia è addirittura 15esima tra i paesi dell’Unione Europea per speranza di vita alla nascita senza limitazioni fisiche. Persiste il divario Nord-Sud, con ricadute anche gravi sulla salute degli italiani lungo lo Stivale, come si vede anche dall’ampia disparità in Italia sulla capacità di prevenire e curare alcuni tipi di tumore. Tali criticità si registrano soprattutto in alcune regioni del Centro Sud. 

Categoria Salute
Attendere...