Ecco il rapporto finale dell'ottobre 2016 redatto dalla Commissione Reale Australiana sugli abusi sessuali sui minori avvenuti nei testimoni di Geova. Riportiamo un estratto del rapporto il cui fascicolo completo può essere scaricato e letto in lingua inglese. In quel rapporto si evidenziano l'inadeguatezza della Watch Tower nel trattare i casi di pedofili e le mancate denunce di abusi sui minori alle autorità. 

Uno dei nostri casi di studio ha esaminato le risposte dell'organizzazione dei Testimoni di Geova alle accuse di abusi sessuali su minori. Abbiamo anche tenuto un'audizione istituzionale* per fornire all'organizzazione dei Testimoni di Geova un'opportunità di informarci sulle sue attuali politiche e procedure in relazione alla protezione dei bambini e agli standard di sicurezza a salvaguardia dei  bambini, compresa la risposta alle accuse di abusi sessuali su minori.

Al 31 maggio 2017, dei 4.029 sopravvissuti che ci hanno raccontato durante sessioni private di abusi sessuali su minori nelle istituzioni religiose, 70 sopravvissuti ci hanno riferito di abusi nei Testimoni di Geova. Delle vittime di cui abbiamo sentito parlare, l'80,0% erano donne. L'età media delle vittime al momento del primo abuso era di 8,4 anni. Dei 53 sopravvissuti che ci hanno parlato dell'età della persona che li ha abusati sessualmente, 44 sopravvissuti (83,0 per cento) ci hanno riferito di abusi da parte di un adulto e 12 sopravvissuti (22,6 per cento) ci hanno riferito di abusi da parte di un bambino. Un piccolo numero di sopravvissuti ci ha parlato di abusi sessuali da parte di un adulto e di un bambino. La stragrande maggioranza dei sopravvissuti che ci hanno raccontato di abusi da parte di un adulto perpetrato ha affermato di essere stata maltrattato da un adulto maschio.

Dei 65 sopravvissuti che ci hanno raccontato durante le sessioni private sul ruolo di un perpetratore, il 26,2% ci ha parlato di abusi sessuali su minori da parte di membri della famiglia. Questo è stato considerato all'interno dei nostri termini di riferimento quando l'abuso sessuale è stato segnalato e gestito dall'istituzione religiosa. Abbiamo anche sentito parlare di sopravvissuti di altri autori, tra cui volontari (13,8 per cento), leader laici (9,2 per cento) e altri adulti che hanno frequentato l'istituzione religiosa (9,2 per cento).

Come parte del nostro caso di studio, l'organizzazione dei Testimoni di Geova ci ha fornito file contenenti accuse, segnalazioni o denunce di abusi sessuali su minori. Ci hanno fornito documenti relativi a almeno 1.800 bambini e oltre 1.000 presunti colpevoli

Il nostro caso studio riguardante i Testimoni di Geova ha mostrato che l'organizzazione si occupava delle accuse di abusi sessuali su minori in conformità con le politiche e le procedure disciplinari interne e basate sulle Scritture. Abbiamo scoperto che almeno fino al 1998, le persone che denunciavano abusi sessuali su minori dovevano dichiarare le loro accuse in presenza della persona contro cui venivano fatte le accuse. La regola dei "due testimoni" si applicava, cioè, la violazione poteva essere stabilita solo sulla base della testimonianza di due o più testimoni oculari "credibili" per lo stesso incidente (o di prove circostanziali comprovate da almeno due testimoni o una testimonianza di due testimoni dello stesso tipo di trasgressione). Le accuse sono state esaminate dagli anziani, che erano tutti uomini e non avevano alcun addestramento pertinente.

Abbiamo scoperto che nel decidere le sanzioni da imporre e / o le precauzioni da adottare in relazione a un noto o sospetto autore di abusi sessuali su minori, l'organizzazione dei Testimoni di Geova non aveva una considerazione adeguata del rischio che la persona potesse commettere di nuovo il reato. Presunti responsabili di abusi sessuali su minori che sono stati rimossi dalle loro congregazioni a seguito di accuse di abusi sessuali su minori sono stati spesso reintegrati. Non abbiamo trovato alcuna prova che l'organizzazione dei Testimoni di Geova riferisca accuse di abusi sessuali su minori alla polizia o ad altre autorità civili.

Durante il nostro caso di studio abbiamo sentito da sopravvissuti di abusi sessuali su minori che non sono state fornite informazioni adeguate dall'organizzazione dei Testimoni di Geova sull'indagine delle loro accuse, non si sono sentite sostenute dagli anziani che hanno gestito le accuse e ritenuto che il processo investigativo fosse un prova della loro credibilità piuttosto che quella del presunto autore. Abbiamo anche sentito che le vittime di abusi sessuali su minori hanno raccontato che gli anziani della congregazione hanno intimato di non parlare dell'abuso con altri, e che se hanno cercato di lasciare l'organizzazione, sono stati "evitati" o ostracizzati dalla loro comunità religiosa.

Abbiamo preso in considerazione una serie di fattori che potrebbero aver contribuito al verificarsi di abusi sessuali su minori nei Testimoni di Geova o ad inadeguate risposte istituzionali a tali abusi.

L'organizzazione dei Testimoni di Geova considera gli abusi sessuali su minori in accordo con la direzione scritturale, basandosi su un'interpretazione letterale della Bibbia e i principi del primo secolo per stabilire pratiche, politiche e procedure. Questi includono la regola dei "due testimoni", come discusso, così come il principio della "guida maschile" (che gli uomini ricoprono posizioni di autorità nelle congregazioni e capofamiglia nella famiglia). Scritturalmente, solo gli uomini possono prendere decisioni. Altre politiche basate sulle Scritture includono le sanzioni per la rimozione (una forma di disciplina che consente ad un autore di rimanere nella congregazione), la disassociazione (esclusione o scomunica come una forma di punizione per gravi trasgressioni scritturali), e l'esclusione - od ostracismo - (un'istruzione alla congregazione non associarsi con una persona disassociata). Finché l'organizzazione dei Testimoni di Geova continuerà ad applicare queste pratiche nella sua risposta alle accuse di abusi sessuali su minori, rimarrà un'organizzazione inadeguata a tutelare la protezione dei fanciulli.

Raccomandiamo che l'organizzazione dei Testimoni di Geova abbandoni la sua applicazione della regola dei due testimoni in casi che riguardano denunce di abusi sessuali su minori (Raccomandazione 16.27), riveda le sue politiche in modo che le donne siano coinvolte in processi relativi all'investigazione e alla determinazione di accuse di abusi sessuali su minori (Raccomandazione 16.28), e non richieda più ai suoi membri di evitare coloro che si dissociano dall'organizzazione nei casi in cui la ragione della dissociazione è legata a una persona vittima di abusi sessuali su minori (Raccomandazione 16.29).

Accogliamo con favore l'inclusione dei testimoni di Geova nella politica di salvaguardia dei bambini, recentemente pubblicata in Australia di un obbligo di denunciare gli abusi sessuali su minori alle autorità civili nei casi in cui gli anziani ritengono che un bambino possa ancora essere a rischio di danno. L'organizzazione dei Testimoni di Geova dovrebbe anche modificare tutte le sue politiche e procedure relative agli abusi sessuali su minori per garantire che questo requisito sia incluso.