Bello Tosto, il migliore toast di Milano è in Duomo… con un'intervista alla chef Paola Bogataj

Bello Tosto, il migliore toast di Milano è in Duomo… con un'intervista alla chef Paola Bogataj

È la chef Paola Bogataj, una ventennale esperienza nella cultura gastronomica italiana, esperta conoscitrice della materia prima e delle tradizioni regionali, la creatrice del menu di Bello Tosto, il migliore toast di Milano, che ha aperto il suo primo punto in via Falcone 1 angolo via Mazzini, a pochi passi da piazza Duomo.

Scocca ufficialmente l'ora della trendy toast experience.
Il menù Bello Tosto è un mix di sapori della migliore tradizione italiana, contaminati con ingredienti must della cucina internazionale. Il più grande pane da toast nelle varianti bianco, integrale e multicereali, prodotto con farine italiane selezionate e una lenta lievitazione, tostato su piastre di ultima generazione.

"L'idea era quella di creare un prodotto "fast" che proponesse il meglio della tradizione gastronomica italiana. Un prodotto che fosse al passo con i tempi, smart ma iconico, capace di mantenere le peculiarità della nostra cultura mediterranea, senza scadere nel già visto. Per questo è stata compiuta una lunga ricerca tra i prodotti di nicchia DOP e IGP, culminata negli accostamenti, in modo che risultassero equilibri capaci di esaltare ogni sapore -sottolinea Paola Bogataj- le farciture recano i marchi che garantiscono i processi unici di lavorazione e il il pane è fatto a regola d'arte. Il risultato è una toast experience accessibile a tutti, anche nei prezzi, con un occhio attento anche alle intolleranze alimentari.

Salumi, formaggi ed eccellenze regionali, ma anche internazionali, anche poco conosciuti, rielaborati con un tocco italian style; questo è BelloTosto. "I nostri menù variano con il variare delle stagioni. Durante l'estate abbiamo proposto anche Hummus per toast vegetariani con verdura fresca tagliata ogni giorno al coltello e formaggi. La marinatura viene fatta in olio al basilico o menta affinchè mantenga il profumo tipico del Nostro Mediterraneo"-aggiunge Paola Bogataj.

"Per il menu invernale ci saranno tante novità! Arriva il toast con l'arrosto di maiale, e di tacchino, più adatti ai periodi freddi, ma abbiamo guardato anche ai presidi Slow Food® con toast a tema regionale. Durante l'Aperitosto, poi, si possono testare i nuovi prodotti, con una piccola anteprima fatta di mix degustazioni dei toast proposti in menù".

Paola Bogataj, che è anche Maestro assaggiatore di formaggi, per anni ha studiato il grande mondo della ristorazione veloce ed è stata a capo del settore sviluppo di un importante gruppo internazionale; "la cucina è fatta di persone, per una donna è più difficile fare lo chef, è un ambiente tipicamente maschile, anche se sta cambiando. La televisione, i cooking show, hanno spettacolarizzato questo mestiere esaltando la figura dello chef, senza raccontare il duro lavoro e i sacrifici che in realtà sono necessari per essere un buon professionista. Qualche tempo fa, il cuoco era ritenuto una figura professionale di serie C. Io credo che su tutto vi sia un segreto per fare questo lavoro con successo: mantenere umiltà e avere passione per il cibo".

Molti copiano; come si deve difendere uno chef?
"Le persone creative non si fermano a una sola ricetta nella vita; la creatività non puo' essere copiata, non si può essere uguali ad altri, me lo disse un giorno Gualtiero Marchesi". Il tuo destino era la musica, poi sei stata "rapita" dalla cucina…."L'armonia esiste sia tra le note sia tra i fornelli!"

E' scoccata l'ora della trendy toast experience in Italia! I tempi sono cambiati e parlare di toast non equivale più a un prodotto da bar, da consumare di fretta, con un ripieno di una triste sottiletta e una fetta di prosciutto anemico. Oggi il toast ha cambiato volto-e fetta-ed è scoppiata una vera e propria esperienza di gusto fatta di prodotti di eccellenza, per vivere anche un pasto veloce secondo i canoni della tradizione italiana.

A pochi passi da piazza Duomo, in via Mazzini angolo via Falcone, ha aperto a Milano il primo Bello Tosto. Il luogo del gusto, dove il cibo è viatico di un'esperienza esaltante e coinvolgente. Protagonista è il toast nelle sue varianti tradizionali e gourmet ispirate dalla tradizione italiana, farcito con ingredienti d'eccellenza. Bello Tosto è una visione tutta italiana dello street food che si rinnova e si reinventa con la consapevolezza di rappresentare, nell'immaginario popolare, il pasto o lo spuntino veloce ideale per adulti, giovani e
bambini.

Tra i toast:
Uscita Modena Sud
Dop & Dop
Sirtaki
Controcorrente
Richiamo della foresta
Vivimilano

Tra i Dolci:
English Time
il [Ri]tiramisu

Valorizzare la filosofia del toast rendendolo guest star di una cucina selezionata, grazie ad un menù affidato alla chef Paola Bogataj; una ventennale esperienza nella cultura gastronomica italiana, esperta conoscitrice della materia prima e delle tradizioni regionali: "Il menù Bello Tosto è un mix di sapori della nostra tradizione, contaminati con ingredienti must della cucina internazionale. Un pane XXL, nelle varianti bianco, integrale e cereali, prodotto con farine italiane selezionate, dalla crosta sottile tostato su piastre di ultima generazione, capaci di mantenere inalterata la freschezza delle farciture".

E se il cibo si mangia già con gli occhi, Bello Tosto non intende fare eccezione a questa regola. Anche in questo caso il nuovo brand nasce con caratteristiche di unicità. "L'intento di creare un nuovo modo di vivere l'esperienza del pasto veloce passa dal design – spiegano gli ideatori– riconoscibile, caratterizzante, come nella migliore tradizione italiana e per questo ci siamo concentrati su ogni aspetto in grado di contribuire a creare ciò che ci piace definire
l'Amazing Experience. Un'attitudine empatica".

Un'offerta ampia, quella di Bello Tosto, non solo a pranzo e a cena ma già dal mattino, con una linea per la colazione di prodotti da forno artigianali e la partnership con Lavazza e il nuovo premium blend Alteco. Una
miscela delle migliori arabiche del centro America e di robuste provenienti da aree incontaminate del pianeta.

Non manca l'APERITOSTO, aperitivo a base di mini toast e accompagnato da birre artigianali, o calici di vino o drink internazionali. Ivana Cappello, amministratore di Spazio Vision, società che ha in capo il brand sintetizza il futuro di Bello Tosto "abbiamo lavorato con estrema attenzione su ogni aspetto del progetto, in modo da trasferire nel modo migliore la nostra idea food. Altre novità ci saranno già nei primissimi mesi dall'apertura con l'inserimento dei menù stagionali. Il format prevede, inoltre, una variante take away e già nel primo punto di Milano Duomo entrambi i modelli saranno operativi. Nell'immediato seguiranno altre aperture entro la fine di questo anno e nei primi mesi del 2018".

I costi variano dai 7 euro per i toast tradizionali, sempre accompagnati da patatine croccanti, servite in originali tazze vintage, 8 euro per quelli gourmet, 9 euro per il più caro, il Vivimilano, con selezione di prodotti top, come concassè di pomodori e ortaggi preparati in giornata, anche un'ora prima, bresaola della Valtellina-la punta d'anca, la più pregiata.

Appuntamento in via Mazzini 12, angolo via Falcone per l'Amazing Experience di Bello Tosto.


UFFICIO STAMPA BELLOTOSTO

Ufficio stampa: FRANCESCA LOVATELLI CAETANI
Francesca.lovatellic@me.com-3200167747

Lorenzo Tiezzi
nella categoria Salute
Attendere...