Conti in tasca alle case di accoglienza profughi: non tutti sanno che...

Conti in tasca alle case di accoglienza profughi: non tutti sanno che...

Accogliere un profugo maggiorenne può far guadagnare, nella peggiore delle ipotesi, 4 euro al giorno. La media realistica è di circa 8 euro al giorno. Cioè 240 al mese. Netti. In caso di minori la cifra lievita, perché a parità di servizi il governo mette sul piatto una cifra più consistente. Anziché i canonici 35 euro pro capite (più qualche spicciolo di Iva) ne sborsa 45. Anche se il fanciullo non è un richiedente asilo ma un clandestino. Basta che non sia accompagnato. Chi si occupa dei profughi deve fornirgli tutto l’occorrente per dormire (dal materasso alle lenzuola). E poi vestiti, prodotti per l’igiene personale, un pocket money da 2,50 euro al giorno più una ricarica telefonica da 15 euro ma solo al momento dell’arrivo. A ciò si aggiungono i prodotti per l’igiene personale e le lezioni di italiano e sulle leggi che li riguardano. Il tutto, come detto, per 35 euro. 

Ora. Per verificare i costi, ho chiesto quelli sostenuti da alcuni comuni e aziende ospedaliere per servizi simili. Un pasto scolastico o nelle mense delle cliniche costa mediamente 4 euro. Significa che un’alimentazione completa può essere fornita a 12 euro (cifra al quanto generosa). Aggiungiamo subito i 2,50 fissi al giorno e sommiamo un paio di euro per i prodotti di igiene personale (schiuma da barba, sapone, spazzolino, rasoi). Quanto possono costare delle lenzuola, tra acquisto e lavaggi? Un ospedale di Napoli che ho contattato sborsa per paziente 4,30 euro al giorno, coperte comprese. Inutile dire che non tutti i giorni si acquistano o si cambiano materassi e lenzuola: un conto sono le persone "normali", un altro quelle ricoverate. Quindi si può ipotizzare ancora un paio di euro per profugo. Poi ci sono i vestiti. Detto che molte associazioni attingono dalla beneficenza, è ancora l’azienda ospedaliera ad aiutarmi a capire. Per le divise di medici e infermieri sborsa poco più di un euro al giorno. Che diventano 52 centesimi per le calzature. Si può immaginare un investimento di 2 euro e mezzo a richiedente asilo (75 euro di spesa mensile). Restano i costi di gestione, cioè corrente, riscaldamento e così via. Ipotizziamo 6 euro ogni 24 ore, a testa? Sommando le cifre teoriche arriviamo a 27 euro per immigrato. Cioè 8 euro di guadagno, che diventano 18 in caso di minorenne non accompagnato. Non ho calcolato tutto, perché mancano altri servizi come le lezioni di lingua e delle leggi che li riguardano, tenute dagli operatori. Per vederci chiaro ho contattato un paio di ex dipendenti di una cooperativa. Ho visionato (carte alla mano) pure la loro busta paga, che si aggira intorno ai mille euro netti al mese (1.800 lorde). Gestivano 33 immigrati maggiorenni. Che potevano garantire, stando ai calcoli di cui sopra, 264 euro netti al giorno. 7.920 euro al mese. Da cui togliere 495 euro, ovvero il totale di quei famosi 15 euro a testa che vengono consegnati agli ospiti solo all’ingresso (nei mesi successivi non vengono erogati). 7.425 euro. Sottratti i loro stipendi, restano in cassa 4.225 euro. Netti. Circa 4 euro al giorno.

Occhio però. Non pagavano l’affitto perché erano ospiti in una struttura della chiesa. I vestiti erano garantiti dalla Caritas. E per il cibo, anziché appoggiarsi a un servizio mensa, facevano una spesa per tutti da circa 300 euro a settimana. 1.200 euro al mese. Vuol dire che colazione, pranzo e cena costavano poco più di un euro quotidiano per immigrato. Anche perché godevano dei prodotti del Banco alimentare. Insomma, più di 10 euro a testa risparmiati ogni giorno. Che si sommano agli 8 euro che avevamo calcolato. Fatte due operazioni, si arriva a un guadagno per migliaia di euro ogni 30 giorni. Però non è tutto così semplice.

Per capire meglio il meccanismo, ho parlato con Omar (nome di fantasia). È un extracomunitario arrivato in Italia 25 anni fa. Parla una sfilza di lingue ed è in prima fila per l’assistenza ai profughi e non solo. Ha lavorato a stretto contatto con una cooperativa e con la Caritas, ma non vuole apparire anche per rispettare la privacy delle persone che tuttora aiuta. Omar mi ha raccontato la sua esperienza, che prendo come esempio immaginando un meccanismo simile in tutta Italia. Per colazione pranzo e cena parla di una convenzione da 8,40 euro al dì per ospite (quella che io ipotizzavo da 12 euro). Menu poverissimo, anche perché «chi arriva da certi Paesi è abituato a un’altra dieta e in ogni caso mangia molto meno rispetto agli occidentali». Colazione tipo: latte e biscotti. Pranzo: riso (alimento fondamentale per i nordafricani), sugo di pomodoro e un po’ di carne. Cena: riso. Per dormire cambiavano i letti ogni due settimane, anche perché molti ospiti consideravano le lenzuola un lusso: in molti casi non le avevano mai utilizzate in vita loro. Secondo Omar, su 35 euro ne possono restare in cassa più di 10. Comodamente. Attenzione. A sentire lui, i maggiori vantaggi sono per gli albergatori. «In periodo di crisi e o di bassa stagione possono riempire le stanze, magari mettendo quattro persone in una doppia». D’altronde i corsi di italiano, l’assistenza e via elencando sono spesso garantiti a costo zero dai volontari. Che sono il fiore all’occhiello di realtà come la Caritas. La quale è l'unica a non guadagnarci. Molto spesso la Caritas ospita le persone nei suoi edifici, ma prima li mette a norma e quindi spende denaro per i lavori». Poi investe per formare i volontari, anticipa i soldi che lo Stato sgancia in ritardo, si coordina con gli albergatori e interviene per qualsiasi emergenza. Interagisce con le associazioni che formano il personale per assistere gli stranieri. Nel caso della cooperativa di Omar, però da 4 dipendenti è lievitata fino a 20....chissà perché.

Luigi Falché
Segretario Provinciale Federazione di Caserta
Movimento Idea Sociale

Categoria Cronaca
Attendere...