Contratti di solidarietà: integrazione al 70 %

53 voti

7 mesi fa - L’Inps, con il messaggio n. 3234 dell’11 marzo 2014, comunica che per l'anno 2014, l'ammontare del trattamento di integrazione salariale per i contratti di solidarietà è pari al 70 % della retribuzione persa, così come disposto dalla L. 147/2013 (Stabilità 2014).Fino al 2013 l’importo dell’integrazione a seguito della riduzione di orario è stato pari all’80%.Il trattamento di integrazione salariale per i contratti di solidarietà è pari al 70%, relativamente ai periodi di competenza dell’anno 2014.Pertanto non rileva la data di stipula del contratto e quella di emanazione del decreto di concessione.Ai fini della compilazione della denuncia mensile Inps, i datori di lavoro dovranno utilizzare il codice di nuova istituzione “F503”.Per i recuperi riferiti a Contratti di solidarietà relativi a periodi di competenza fino a tutto il 2013, rimangono valide le precedenti istruzioni. (Leggi l'Articolo)

future11
inviata da: future11 - Categoria: Economia - Fonte: http://www.studiocassone.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

No al riscatto parziale del Tfr in caso di contratti di solidarietà

La Commissione di Vigilanza sui fondi pensione esclude il riscatto parziale dei trattamento di fine rapporto destinato a forme di previdenza complementare a favore dei lavoratori che hanno accesso all’integrazione a seguito di contratto di solidarietà. Gli aderenti al fondo di previdenza che hanno subito una contrazione dell’orario di lavoro per effetto di un contratto di solidarietà non possono ricevere il 50% della loro posizione individuale maturata presso il fondo.Questo perché la Covip non assimila i contratti di solidarietà né alle situazioni di cassa integrazione guadagni, né a quella di mobilità, non sussistendo una sospensione totale dell’attività lavorativa.Infatti lo scopo dell’istituto del riscatto è agevolare il dipendente che versa in particolari situazioni di cessazione del rapporto di lavoro ovvero di totale sospensione dell’attività lavorativa.L’inoccupazione è determinata per un periodo di tempo non inferiore a 12 mesi e non superiore a 48 mesi, ovvero in caso... (future11)

Domanda tramite pec per l'incentivo dei contratti di solidarietà

Il Ministero del lavoro, con la circolare 26/09/2014 n.23, fornisce le istruzioni per accedere alle riduzioni contributive a favore delle imprese che stipulano o hanno in corso contratti di solidarietà.L’agevolazione decorre dal 21 marzo 2014, il presupposto è la stipula di contratti di solidarietà o l’individuazione di misure volte al miglioramento della produttività o la previsione di un piano di investimento finalizzato a superare le inefficienze gestionali o del processo produttivo.La riduzione contributiva è riconosciuta con il limite massimo di 24 mesi, nella misura del 35% della contribuzione a carico del datore di lavoro dovuta per i lavoratori interessati alla riduzione dell’orario di lavoro in misura superiore al 20%. Occorre presentare apposita domanda tramite PEC - entro trenta giorni successivi alla stipula del contratto di solidarietà o, per i contratti già in essere, entro trenta giorni dal 26 settembre 2014 corredata dai dati Inps, la copia del contratto di... (future11)

Cemento: stipulato il primo contratto di solidarietà del comparto

Si tratta del comparto che più di tutti ha subito gli effetti della galoppante crisi economica di questi anni: il settore del cemento è stato in larga parte devastato dalla […]The post Cemento: stipulato il primo contratto di solidarietà del comparto appeared first on Ediltecnico. (redazione_tecnica)

Jobs Act, oltre l’articolo 18: cosa c’è nel testo che cambierà il lavoro

Contratti di solidarietà, ferie, licenziamenti illegittimi, Aspi: le novità (leggioggi)

Chiarimenti sul fondo di solidarietà Inps dai CDL

La Fondazione Studi Consulenti del Lavoro con Circolare n.17 del 15 ottobre indaga le modalità del contributo da destinare al fondo di solidarietà bilaterale presso l’Inps.Il Fondo di solidarietà residuale di cui all’art. 3 comma 19 della legge 92 del 2012 è finanziato dai contributi delle imprese che impiegano mediamente più di 15 dipendenti e che non rientrano nel campo di applicazione della normativa in materia di cassa integrazione salariale.Il contributo ordinario dello 0,50 % della retribuzione imponibile mensile è diviso in misura pari a 2/3 a carico del datore, 1/3 a carico del lavoratore e un contributo addizionale completamente a carico del datore di lavoro, il cui obbligo nasce in subordine all’accettazione da parte del fondo della richiesta di accesso alle relative prestazioni.Il 16 dicembre 2014 scade il termine per il versamento dei contributi, relativamente al periodo 1° gennaio 2014-30 settembre 2014. La Fondazione consiglia di versare la contribuzione in via... (future11)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...