Altri articoli di possibile interesse:

Rimborso per treno in ritardo, ecco tutte le informazioni

[ immenso blog ] Ecco come richiedere il rimborso del biglietto se il treno è in ritardo, alla stazione di partenza o a quella di arrivo  Per i viaggi in treno, quando ci sono ritardi, i passeggeri sono tutelati... Per leggere tutto l'articolo Rimborso per treno in ritardo, ecco tutte le informazioni devi andare in www.immenso.org (immensoblog)

Imu, Tari e Tasi: chi paga dei coniugi separati?

In caso di assegnazione della casa coniugale da parte del giudice a uno dei due coniugi, che magari non è proprietario dell'immobile, chi deve pagare l'Imu qualora dovuta? Ecco qualche caso spiegato dal nostro esperto.L'articolo Imu, Tari e Tasi: chi paga dei coniugi separati? sembra essere il primo su Cose di Casa. (universocasa)

Interessi di mora nelle transazioni commerciali

Gli interessi di mora nelle transazioni commerciali sono disciplinati dal decreto legislativo n. 231 del 9/10/2002. Il decreto ha previsto una disciplina specifica per la tutela del creditore in caso di ritardo nel pagamento delle transazioni commerciali. photo credit: Butz.2013 La norma prevede il decorso automatico degli interessi di mora dal giorno successivo alla scadenza dei termini legali o contrattuali di pagamento, senza che sia necessaria la costituzione in mora del debitore. Gli... Continua la lettura su codiceazienda.it.... (anpal5)

Controlli Gestione Separata 2013

L’Inps, con il messaggio 5.09.2014, n. 6859, comunica l’avvio dei contributi del versamento dei contributi in favore della Gestione separata per l'anno 2013.Le posizioni a debito possono essere consultate tramite cassetto committenti, in modo da visualizzare l’omesso pagamento del contributo, sia totale che parziale, per periodi di competenza; le sanzioni civili calcolate su contributi omessi; le sanzioni civili calcolate sul ritardato versamento del contributo dovuto.L’Inps fornisce anche il prospetto relativo alla compilazione del modello di pagamento F24.La stessa situazione debitoria è comunicata sia all’azienda committente che all’intermediario collegato, tramite posta elettronica.Nel caso di invio erroneo di denunce per compensi non corrisposti effettivamente nel periodo di competenza denunciato, occorre inviare con urgenza i flussi di correzione al fine di evitare errata emissione di avvisi di addebito.   (future11)

Più di 300 miliardi spesi per pagare gli interessi sul proprio debito pubblico.

Più di 300 miliardi in quattro anni. E’ quanto l’Italia ha speso, dal 2010 al 2013, per pagare gli interessi sul proprio debito pubblico. Il dato arriva dall’Istat, che ha trasmesso alla Commissione Europea la notifica sull’indebitamento netto e sul debito delle amministrazioni pubbliche italiane, in applicazione del protocollo sulla procedura per i deficit eccessivi annesso al Trattato di Maastricht. Da Bruxelles, ha fatto sapere l’istituto di statistica, “non sono state espresse riserve” su conti. Nel 2010, su un debito che era di 1.851,26 miliardi, gli interessi passivi – nella versione che considera anche l’impatto delle operazioni sui derivati – sono ammontati a 71,15 miliardi, pari al 4,6% del Pil. Nel 2013 la cifra è salita a 82,04 miliardi (5,3% del Pil), su un debito cresciuto però a 2.069,21 miliardi. Il dato dello scorso anno, comunque, rappresenta un calo rispetto al record registrato nel 2012, con 86,47 miliardi di interessi (5,5% del Pil). Nel 2013 – ricorda... (edicolaonline)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...