Ego, non sono tuo

85 voti

25 mesi fa - Domanda: Come possiamo controllare qual è la nostra intenzione mentre leggiamo Lo Zohar? Risposta: Lo Zohar è la fonte di Luce che viene a noi se vogliamo usarla correttamente. Perciò, mentre studio libri Kabbalistici, io convoco l’illuminazione su di me, ma essa viene in base all’intensità dei miei sforzi e al mio essere pronto. Se [...] (Leggi l'Articolo)

deboracasali
inviata da: deboracasali - Categoria: Scienza... - Fonte: http://feedproxy.google.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Equipaggiato con la forza della Luce

Domanda: L’ego continua a crescere dopo l’ascesa al livello superiore? Risposta: Certo! La differenza è che ora abbiamo un ego a livello corporeo, e nella transizione verso il primo livello spirituale, acquisiamo un ego spirituale. Come si dice: “Colui che è più grande del suo amico, anche il suo ego è maggiore”.   Come può […] (deboracasali)

Ericsson: programma EGO a premi per i giovani

Ericcson, importante azienda internazionale del settore telefonia, ha da sempre come focus quello di investire sui giovani talenti. Proprio da questa sua vocazione al progresso e all’innovazione nasce il programma EGO: un’iniziativa di Ericsson creata per sostenere studenti e start up nel settore dell’innovazione. Il programma EGO è stato lanciato l’8 settembre ed è in... (circuito)

LG T500 Ego e le sue caratteristiche tecniche

LG T500 Ego e' un telefonino adatto a un pubblico giovane. E' personalizzabile, semplice da utilizzare e ha funzionalita' social multimediali che permettono ai ragazzi di rimanere in contatto con gli amici e di condividere con loro immagini ed esperienze. CARATTERISTICA PRINCIPALE: touchscreen, memory card. (ienvjt)

Il declino di Babilonia, parte 2

Una persona nasce e si sviluppa come un’egoista. È scritto, “Ho creato l’inclinazione al male [l’egoismo]; ho creato la Torah come spezia, “per la sua correzione, per cui la Torah vi darà la Luce con il cui aiuto è possibile correggere l’ego. Ecco come si formano due linee, le due parti del lavoro interiore: l’ego […] (deboracasali)

Mare Profondo: Nessuno può morire a meno che scelga la morte.

Nessuno può morire a meno che scelga la morte. Ciò che sembra essere la paura alla morte è in realtà la sua attrazione. La colpevolezza è nello stesso tempo qualcosa che si teme ed è temibile. Però non ha nessun potere, eccetto su quelli che si sentono attratti da essa e la cercano. E la stessa cosa accade con la morte. Concepita dall'ego, la sua tenebrosa ombra si estende su ogni cosa vivente perché l'ego è il “nemico” della vita. (greysis)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...