Altri articoli di possibile interesse:

ALZHEIMER / nanoparticelle attive contro le placche che causano la malattia

ALZHEIMER, efficace risulta essere l’attività di nanoparticelle nel “ripulire” il cervello dalle placche della proteina beta Amiloide responsabile della manifestazione del Alzheimer. Le nanoparticelle anti-Alzheimer denominate  amiposomi, sono frutto di un enorme lavoro svolto nell’ambito del progetto di ricerca europeo Nad (Nanoparticles for therapy and diagnosis of Alzheimer Disease) coordinato dall’Università di Milano-Bicocca i cui risultati […] (carlarocca)

Troppi ansiolitici aumentano il rischio di Alzheimer

Troppi ansiolitici possono aumentare il rischio di sviluppare l'Alzheimer. A mettere sotto accusa il benzodiazepine, un tipo di farmaci contro l'ansia e l'insonnia, è un articolo pubblicato sul British Medical Journal da parte di un gruppo misto di [...]. Redazione InformaSalus.it ... Il presente articolo è originariamente pubblicato su http://www.informasalus.it/it/articoli/ansiolitici-rischio-alzheimer.php (informasalus)

Importante ricerca sull'Alzheimer, ricreate le cellule della patologia

Alcuni scienziati di Boston sono riusciti a ricreare le cellule in provetta del'Alzheimer (giusepperoselli)

Rame e cervello: insieme contro l' Alzheimer

La Conferenza Mondiale più prestigiosa dedicata al Rame accoglie per la prima volta la ricerca sul ruolo di questo metallo nella malattia di Alzheimer.   Accade in questi giorni a Napoli, dove Rosanna Squitti, ricercatrice del Fatebenefratelli all’Isola Tiberina (RM), presenta alla platea di professionisti internazionali delle più svariate discipline convocati dalla Duke University (USA, NC) dal 5 al 10 ottobre per la IX edizione della Conferenza -  una sintesi sulle evidenze del rame come fattore di rischio per la malattia di Alzheimer.   Negli ultimi...(continua) (salutedomani)

Aiutare un malato di Alzheimer nella comunicazione di tutti i giorni

Intervento di Paola Chiambretto, neuropsicologa e responsabile del nucleo Alzheimer della residenza sanitaria assistenziale Villaggio Amico. La comunicazione è un bisogno umano basilare, è la base di tutta l’organizzazione sociale. Il diritto di comunicare è essenziale per l’umanità e la violazione di esso de-umanizza la persona. Alcune malattie, come l’Alzheimer, portano a una progressione dei deficit di linguaggio che può arrivare a una situazione limite in cui il malato parla ma il suo parlare è incomprensibile. Come è...(continua) (salutedomani)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...