Altri articoli di possibile interesse:

ALZHEIMER / nanoparticelle attive contro le placche che causano la malattia

ALZHEIMER, efficace risulta essere l’attività di nanoparticelle nel “ripulire” il cervello dalle placche della proteina beta Amiloide responsabile della manifestazione del Alzheimer. Le nanoparticelle anti-Alzheimer denominate  amiposomi, sono frutto di un enorme lavoro svolto nell’ambito del progetto di ricerca europeo Nad (Nanoparticles for therapy and diagnosis of Alzheimer Disease) coordinato dall’Università di Milano-Bicocca i cui risultati […] (carlarocca)

Accordo Federazione Alzheimer ed Equitalia

Come comportarsi di fronte alla ricezione di una cartella di pagamento di Equitalia a nome del proprio coniuge malato di Alzheimer? Che cosa fare e a chi rivolgersi per ottenere informazioni chiare e per comprendere il corretto iter da seguire per portare a termine la procedura? Cosa fare nel caso di particolari esigenze, difficoltà e problemi? Federazione Alzheimer Italia ed Equitalia hanno siglato una collaborazione a titolo gratuito per affrontare la situazione di disagio e disorientamento in cui si ritrovano inevitabilmente molti cittadini familiari di persone malate di Alzheimer. Il...(continua) (salutedomani)

ALZHEIMER / “un’analisi del sangue” per diagnosticare il morbo

ALZHEIMER – Importantissima la scoperta che permette di diagnosticare, attraverso una particolare analisi del sangue, la presenza del morbo prima ancora che il soggetto colpito ne presenta i sintomi. L’identificazione delle persone a rischio di sviluppare l’Alzheimer rappresenta una tappa fondamentale nella diagnosi precoce e nel poter stabilire trattamenti terapeutici adeguati volti a prevenire l’insorgenza di […] (carlarocca)

Troppi ansiolitici aumentano il rischio di Alzheimer

Troppi ansiolitici possono aumentare il rischio di sviluppare l'Alzheimer. A mettere sotto accusa il benzodiazepine, un tipo di farmaci contro l'ansia e l'insonnia, è un articolo pubblicato sul British Medical Journal da parte di un gruppo misto di [...]. Redazione InformaSalus.it ... Il presente articolo è originariamente pubblicato su http://www.informasalus.it/it/articoli/ansiolitici-rischio-alzheimer.php (informasalus)

RAME E ALZHEIMER: LA SALUTE DEL CERVELLO E' ANCHE NEL PIATTO

Rame e cervello: arriva “nel piatto”, la “terapia” per la prevenzione e protezione, almeno parziale, dall’invecchiamento cerebrale. A suggerire la via alimentare insieme ad altre forme alternative di intervento contro il decadimento cognitivo è il gruppo di ricercatori che con i loro studi hanno dimostrato l’esistenza di un legame diretto tra alterazione nel metabolismo del rame e sviluppo della malattia di Alzheimer, riuniti in occasione del Congresso internazionale “Approccio non convenzionale alla malattia di Alzheimer: dalla ricerca alla cura”,...(continua) (salutedomani)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...