L’accanimento tributario a carico della casa non è finito

70 voti

32 mesi fa - Approvata in poche ore l’IMU bis nonostante i propositi, solennemente espressi da qualche politico dell’attuale maggioranza, contrari ad ogni ulteriore aggravio a carico dell’immobiliare, per i proprietari di casa non è comunque ancora finita. (Leggi l'Articolo)

casaxp
inviata da: casaxp - Categoria: Economia - Fonte: http://www.casaxp.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Comune di Enna perde anche sulle omesse denunce TARSU 2007

Sembrano non avere fine le sconfitte del Comune di Enna in Commissione Tributaria per difendere le pretese tributarie necessarie a remunerare il servizio di raccolta dei rifiuti. Dopo le annualità d’imposta 2009 e 2010, per le quali si registra un orientamento costante della giustizia tributaria sia di 1° che di 2° grado in merito alla […] (vivienna)

Riforma della giustizia e novità per il processo tributario

Spese processuali e periodo feriale dei Tribunali: quali saranno gli effetti delle novità della riforma della giustizia sui casi tributari (leggioggi)

IN ITALIA FOTO PUNITE PIU’ DI UN OMICIDIO: L’ACCANIMENTO GIUDIZIARIO NEI CONFRONTI DI FABRIZIO CORON

LA SOMMA DELLA PENA PER I VARI REATI AMMONTA A QUASI 14 ANNI, CHE L’EX FOTOGRAFO E IMPRENDITORE STA SCONTANDO IN UN CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA (barmario)

La filantropia tributaria dello stato Italiano è una situazione non di fatto

Mentre tutti promettono e protestano, l’incidenza della tassazione ci strangola: imprese e famiglie sono con il cappio al collo. Berlusconi, Monti, Letta, Renzi, tutti uguali, tutti degni attori delle migliori commedie teatrali, che hanno fatto delle promesse il loro cavallo di battaglia. In fondo il sinedrio del parlamento romano l’ha deciso nel lontano 1992, e da allora per gli italiani non rimane altro che subire in silenzio la vessazione usurante di uno stato impositore, il quale, nonostante il susseguirsi di vari esecutivi d’impronta declinante e risanatrice (in tema fiscale), non ha fatto altro che creare un efficiente macchina tributaria che supera di molto la radiazione elettromagnetica della luce. (gaetanoemanuele16)

Gli eredi rispondono pro quota dei debiti tributari del contribuente defunto

La Corte di Cassazione ha ribadito che tra gli eredi v’è soltanto l’esistenza di obbligazioni parziarie, ai sensi degli artt. 752, 754 e 1295 del Codice Civile, contrariamente alla posizione del Fisco che ha sostenuto l'esistenza della solidarietà passiva in ordine all'intero debito del contribuente defunto. Secondo gli Ermellini, in mancanza di una specifica norma tributaria (nel caso di specie imposta di registro), trova applicazione l'ordinaria regola stabilita dal Codice Civile. (leggioggi)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...