Misure anticrisi: tassi sui mutui prima casa al 4%

7 voti

5 anni fa - L’articolo 2 del decreto anticrisi (DECRETO-LEGGE 29 novembre 2008, n. 185) ha previsto, il blocco dei tassi d’interesse al 4% sui mutui per l’acquisto, ristrutturazione e costruzione della prima casa per le rate che scadono nel 2009. Non sarà la banca a ridurre la rata ma lo Stato ad accollarsi la differenza di tasso. Quindi se il tasso d’interesse è del 5%, il 4% rimane a carico del mutuatario l’1% verrà pagato dallo Stato. Attenzione La misura si applica solo ai mutui a tasso variabile stipulati fino al 31 ottobre 2008.La casa non deve essere stata accatastata come A1, A8 o A9 (abitazioni di lusso, ville ecc.).”Cavillo”. Se al momento della stipula del mutuo il tasso variabile (Leggi l'Articolo)

teresasmile
inviata da: teresasmile - Categoria: Economia - Fonte: http://live.tuttiqui.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Ridurre le rate con il mutuo a tasso fisso

Generalmente quando si deve accendere un nuovo mutuo la maggior parte degli italiani è più propenso ad optare per un mutuo a tasso fisso, che sebbene offra nella maggior parte dei casi condizioni economiche meno vantaggiose da la certezza di sapere sempre con precisione quanto ci costerà il debito. Adesso […] (...) (mutuonews2)

Guida al mutuo by Voce Arancio

Tasso variabile o tasso fisso, Euribor, spread, istruttoria, perizia e delibera reddituale: tutto quello che c’è da sapere per richiedere un mutuo per la casa. (promozioneweb)

Scelta al mutuo migliore

Con i tassi di interesse al minimo, derivanti anche dall’ultimo taglio, sebbene impercettibile, voluto  dalla Bce, questo potrebbe essere un buon momento per accendere il mutuo, ma occorre valutare attentamente le varie proposte attualmente disponibili per potersi indirizzare verso il mutuo migliore, più in linea con le proprie aspettative. Valutando […] (...) (mutuonews2)

Plafond Casa, mutuo agevolato rimasto nel cassetto di ABI e CDP

Era il 21 novembre 2013 quando la Cassa depositi e prestiti e l' ABI, su proposta dell'allora governo Letta, stipulavano una convenzione denominata“Plafond Casa”, strumento da 2 miliardi di euro stanziati da CDP (Cassa deposito e prestiti), che – veicolato dalle banche – era finalizzato alla erogazione di mutui alle persone fisiche per l’acquisto della prima casa o per interventi di ristrutturazione con accrescimento dell’efficienza energetica. I beneficiari dovevano essere le giovani coppie e le famiglie numerose. Le banche, come da accordo, avrebbero dovuto coprire con il mutuo fino al 100% del valore dell'immobile fino ad un tetto massimo di 250 mila euro, 350 se comprensivo di un piano di ristrutturazione. Il mutuo doveva essere agevolato sia nella durata massima (più lungo dei mutui ordinari) e sia nei tassi. (robertalemma)

Surroga del mutuo: modalità di richiesta

Per modificare le condizioni di un mutuo già esistente, esiste la possibilità di trasferire il mutuo da una banca a un'altra: questo meccanismo è noto con il nome di surroga, secondo quanto stabilito dalla legge n°40 del 2 aprile 2007. Trasferire il mutuo da una banca a un'altra - In pratica, colui che ha stipulato il mutuo, sposta il finanziamento presso un altro istituto bancario che offre delle condizioni economiche ritenute migliori dal mutuatario. (simolu)

Attendere...
  • utente non registrato
    0 voti    
    Ultimo Commento


    inviato da utente non registrato - 07/08/2009 - 13:17
    DECRETO ANTICRISI dl 185/2008
    ho ricevuto una lettera della BNL con cui mi inviato a presentarmi presso i loro sportelli... risultato:
    La consulenza non è a conoscenza della normativa e vagano tra una telefonata e l'altra per venirne a capo. Ci hanno invitato a tornare in autunno visto che ora devono andare in ferie... mah...

Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...