Mediazione, fissata l’udienza pubblica alla Consulta: 23 ottobre 2012

72 voti

30 mesi fa - La Consulta dovrà sindacare se la norma sul tentativo obbligatorio come condizione di procedibilità della domanda giudiziaria sia in contrasto con la tutela giudiziale dei diritti (Leggi l'Articolo)

leggioggi
inviata da: leggioggi - Categoria: Economia - Fonte: http://www.leggioggi.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Mediagire verso la diversità

"Un movimento bilaterale di ognuna delle parti verso la rigidità dell'altra e di ognuna delle parti oltre la propria rigidità, affinché ogni attore del disaccordo com-prenda (prenda, accolga dentro di sé) le diverse rigidità in gioco" ( M.S. Galli, "L'amore alla fine dell'Amore"). Così potremmo, in estrema sintesi, circoscrivere la natura profonda della mediazione: un vero e proprio «mediagire» che fa della mediazione un modo -appunto- di agire nei confronti del mondo e dell'Altro, spostandosi nel territorio delle convinzioni altrui e mettendo in discussione, fosse anche per un solo secondo, le proprie convinzioni. Su "Il Sole 24 Ore" prosegue l'Osservatorio sulla Mediazione Familiare insieme all'avvocato Teresa Laviola.Diritto 24 - Il sole 24 Ore: Osservatorio sulla Mediazione Familiare.Continua a leggere qui...http://www.diritto24.ilsole24ore.com/art/dirittoCivile/2014-10-13/mediazione-famigliare-mediagire-la-diversita--123321.php (msgdixit)

Mediazione civile. Indennità, formazione e requisiti di autonomia fissati dal decreto 139/2014.

È da pochi giorni in vigore il decreto 139/2014 che disciplina gli organismi di mediazione, figure destinate ad acquisire un'importanza sempre maggiore con le nuove norme sul processo civile. Il regolamento ministeriale emanato lo scorso 4 agosto - recante modifiche al precedente decreto 189/2010 - pone dei criteri piuttosto stringenti per l'autonomia dei mediatori, con una serie di obblighi e divieti in capo a questi ultimi. In base al Decreto non possono assumere incarichi da mediatori coloro che abbiano svolto negli ultimi due anni qualsiasi tipo di prestazione professionale per una delle parti in causa. Così come quelli i cui soci abbiano lavorato negli ultimi due anni per uno dei litiganti. Il decreto tratta poi anche la questione dell'indennità, fissando l'onorario da corrispondere al mediatore per le spese di avvio della conciliazione in 40 euro per le cause di valore inferiore ai 250 mila euro, e in 80 per le liti di valore maggiore. Infine, il Ministero della Giustizia si... (forodinapoli)

Enna, Processo in appello per rumena accusata di infanticidio, corpicino in cassonetto della...

Enna. Torna in appello la tragica fine della bambina Angelica appena nata e buttata nel cassonetto della spazzatura di contrada Risicallà a pochi chilometri da Pergusa e poco distante dall’abitazione dove lavorava la madre. La Corte di Appello di Caltanissetta, infatti, ha fissato per il prossimo 24 ottobre l’udienza che dovrebbe portare alla sentenza nei […] (vivienna)

Dichiarazione dei Diritti in Internet: avviata online la consultazione pubblica

Nelle scorse settimane abbiamo avuto modo di parlare della Commissione di studio istituita presso la Camera dei Deputati e composta da deputati ed esperti del settore, che hanno lavorato insieme per scrivere una prima bozza della Dichiarazione dei Diritti in Internet. Questa prima bozza è stata ufficialmente pubblicata online lo scorso 13 ottobre, e in questi giorni, finalmente, è stata avviata la Consultazione Pubblica, che andrà avanti per alcuni mesi e permetterà ai cittadini di contribuire in maniera significativa con le proprie idee. (hitechitaly)

WEB-Camera: carta dei diritti: neutralità e anonimato

E' online  sul sito della Camera dei Deputati e in contemporanea sulla piattaforma di consultazione pubblica camera.civi.ci una bozza di Dichiarazione dei diritti in Internet - che prende avvio dall'articolo 8 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea - frutto del lavoro della Commissione di studio per i diritti e doveri relativi ad Internet. Si tratta di un documento composto da un preambolo e da 14 articoli ed è una prima bozza: dal 27 ottobre i cittadini interessati potranno contribuire con proposte. La consultazione durerà quattro mesi. Ognuno ha il diritto di trasmettere e ricevere in Internet dati senza discriminazioni, restrizioni o interferenze in relazione al mittente, ricevente, tipo o contenuto dei dati, dispositivo utilizzato, applicazioni o, in generale, legittime scelte delle persone. La neutralità della Rete, fissa e mobile, e il diritto di accesso sono condizioni necessarie per l'effettività dei diritti fondamentali della persona. Di contro ogni persona... (impresamia)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...