Eurozona... l'euro è appeso alle banche

51 voti

35 mesi fa - Nonostante il dibattito su austerity e crescita, la questione da cui dipende il futuro dell’euro è un’altra: la debolezza del settore bancario, costretto ad appoggiarsi agli stati in una pericolosa interdipendenza. Non è possibile che la crescita economica salti fuori, come per magia,  da un cilindro. E tanto meno senza soldi per gli investimenti.... È per questa ragione che Daniel Gros è stupefatto da come i politici europei – e il nuovo presidente francese in testa – stiano ripetendo all’infinito una parola sola: crescita. Secondo l’economista tedesco del think-tank di Bruxelles Ceps, quello su “austerità contro crescita” è un falso dibattito, che non fa compiere nemmeno un passo in più in direzione della soluzione alla crisi dell’euro. Il vero dibattito, dice, dovrebbe vertere sulle banche, in particolare quelle dell’Europa del sud che stanno andando parecchio peggio di ciò che si presume. “Le banche greche e spagnole sono sedute su una montagna di debiti sempre più... (Leggi l'Articolo)

carloscalzotto
inviata da: carloscalzotto - Categoria: Economia - Fonte: http://inoixor-traderpassion.blogspot.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Jacques Sapir: La "svalutazione interna" necessaria per restare nell'euro

La "svalutazione interna" necessaria per restare nell'euro di Jacques Sapir Prendendo in considerazione gli scarti di inflazione e di produttività dei paesi periferici rispetto alla Germania, il prof. Sapir misura quanta “svalutazione interna” risulterebbe necessaria per riequilibrare la competitività tra i paesi dell’eurozona. Il risultato è particolarmente pesante per l’Italia, oltre che per la Grecia e la Spagna, e ci dà la misura di quanto sia antisociale questa unione monetaria Sappiamo che in un sistema di moneta unica (un’unione monetaria) come l’eurozona, i paesi membri non possono svalutare l’uno nei confronti dell’altro. Una svalutazione (o una rivalutazione) della moneta puo’ verificarsi solo tra l’insieme dell’eurozona e il “resto del mondo”. In questa unione monetaria uno dei problemi principali è l’evoluzione della competitività dei paesi membri.... (tonino2308)

Euro e dollaro, oggi come ieri

Il forte aumento del dollaro nei confronti dell’euro è stata la grande sorpresa del mercato finanziario del 2015. La debolezza dell’euro è stata oggetto del programma di allentamento quantitativo della Banca centrale europea. La velocità e la portata del declino dell’euro contro il biglietto verde ha preso alla sprovvista anche i più esperti osservatori del mercato delle valute. Janet Yellen, presidente della Fed, […] L'articolo Euro e dollaro, oggi come ieri sembra essere il primo su MondoForex. (mondoforex)

Sme: le banche slovacche fanno sempre più utili, sulle spalle dei clienti

I clienti delle banche slovacche stanno pagando molto di più oggi in commissioni bancarie rispetto al passato. Nei primi due mesi del 2015, secondo i dati diffusi dalla Banca Nazionale (NBS), le banche in Slovacchia hanno avuto . . . → Leggi (buongiornoslovacchia)

CONFINDUSTRIA: ITALIA IN MOTO PIL VERSO +0,2% IN I TRIMESTRE

“Le potenti spinte esterne hanno rimesso in moto l’Eurozona e l’Italia. Gli effetti di euro più debole, tassi ridotti e prezzo dimezzato del petrolio iniziano a essere ben visibili negli indicatori; alcuni dei quali sono al top da quattro anni. La ripresa accelera man mano c ... (9colonne)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...