Eurozona... l'euro è appeso alle banche

51 voti

33 mesi fa - Nonostante il dibattito su austerity e crescita, la questione da cui dipende il futuro dell’euro è un’altra: la debolezza del settore bancario, costretto ad appoggiarsi agli stati in una pericolosa interdipendenza. Non è possibile che la crescita economica salti fuori, come per magia,  da un cilindro. E tanto meno senza soldi per gli investimenti.... È per questa ragione che Daniel Gros è stupefatto da come i politici europei – e il nuovo presidente francese in testa – stiano ripetendo all’infinito una parola sola: crescita. Secondo l’economista tedesco del think-tank di Bruxelles Ceps, quello su “austerità contro crescita” è un falso dibattito, che non fa compiere nemmeno un passo in più in direzione della soluzione alla crisi dell’euro. Il vero dibattito, dice, dovrebbe vertere sulle banche, in particolare quelle dell’Europa del sud che stanno andando parecchio peggio di ciò che si presume. “Le banche greche e spagnole sono sedute su una montagna di debiti sempre più... (Leggi l'Articolo)

carloscalzotto
inviata da: carloscalzotto - Categoria: Economia - Fonte: http://inoixor-traderpassion.blogspot.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Eurozona: Nuovo Record Storico Nell’Avanzo Commerciale

I miracoli dell’euro debole: dopo il record raggiunto dall’export tedesco, ora anche i dati relativi all’intera Eurozona evidenziano gli effetti del deprezzamento dell’euro (gian301)

Il Governatore della Banca d’Inghilterra critica l'austerità imposta dall'Ue

Il governatore della Banca d'Inghilterra, Mark Carney, ha lanciato un forte attacco contro l'austerità imposta nella zona euro, avvertendo che la trappola del debito in cui è finita l'eurozona potrebbe costare un secondo decennio perduto. Lo riporta il Guardian.   Parlando a Dublino, Carney ha dichiarato che la zona euro dovrebbe allentare le rigorose politiche di austerità sui bilanci e compiere rapidi progressi verso un’unione fiscale in grado di trasferire risorse dai Paesi ricchi a quelli poveri. “Non si può non notare che, se l’eurozona fosse un unico Paese, la politica fiscale sarebbe nettamente più incisiva. Tuttavia l’Europa non è ancora dotata di efficaci meccanismi di condivisione del rischio ed è relativamente inflessibile”.   "Da quando c’è stata la crisi finanziaria tutte le principali economie avanzate sono cadute in una trappola del debito,... (lantidiplomatico)

Piano acquisto BCE, i mercati fanno festa

Finalmente la banca centrale europea ha varato il piano d’acquisto dei titoli di stato e pare che tale piano sia stato fondamentalmente gradito dai mercati europei che hanno immediatamente gioito dopo una prima fase di diffidenza manifestata con lo stallo delle principali borse dell’eurozona. Per sostenere l’economia dell’eurozona la Bce […] (...) (mutuonews2)

Draghi prova a salvare l'euro con il 'quantitative easing'.

Quantitative easing: l'arma finale a disposizione della Banca centrale europea per cercare di contrastare la crisi economica con un piano di acquisti di titoli di Stato mirato a far risalire l'inflazione nell'Eurozona e a rilanciare domanda e crescita. In buona sostanza, la banca si pone come investitore sulla propria economia e diventa acquirente di beni (generalmente titoli di Stato) con denaro creato "ex-novo" per stimolare la crescita economica. Il Qe serve infatti a inondare il sistema di liquidità attraverso l'acquisto massiccio di titoli di Stato e altre attività finanziarie dalle banche per immettere denaro fresco nell'economia europea, incentivare i prestiti bancari verso le imprese e far crescere l'inflazione. Mario Draghi, che metterà ai voti del consiglio Bce il suo 'quantitative easing' dopo mesi di tessitura diplomatica, punta a sbaragliare i mercati. Il presidente della Bce avrebbe fatto arrivare ai consiglieri della Banca centrale... (freeskipper)

Imporre controlli sui capitali in Grecia ora per evitare un'altra Cipro. Hans-Werner Sinn

In un editoriale sul Financial Times, Hans-Werner Sinn, presidente dell'istituto di ricerca economica dell'Ifo,  chiede che vengano imposti immediatamente controlli di capitale in Grecia per evitare gli errori commessi nel caso di Cipro.    La Bce, sostiene il federalista europeo dando ossigeno temporaneo alle banche greche che altrimenti finirebbero in bancarotta, ma ciò sta mettendo in pericolo i contribuenti dell'area euro. Sono i cittadini dell'Eurozona che, senza essere stati consultati, stanno correndo rischi fornendo credito per permettere ai greci benestanti di conservare nelle banche in tutta sicurezza i loro soldi.   Alla banca nazionale ellenica non dovrebbe essere consentito di vivere oltre i propri mezzi. Gli aiuti le banche commerciali del paese non dovrebbero superare i €42 miliardi. "Raggiunta tale cifra il governo dovrebbere imporre controlli di capitale per impedire che i soldi lascino il paese e per... (lantidiplomatico)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...