ITALIA IN 4D, UN MAGAZINE RACCONTA I PRIMI 4 DECENNI DEL DOPOGUERRA

68 voti

33 mesi fa - Mentre i grandi network si apprestano al lancio di nuove trasmissioni in alta definizione e in 3D, Rai Storia rilanci  e propone  “l’Italia  in 4D”: un nuovo magazine per raccontare l’Italia degli anni Cinquanta, Sessanta, Settanta e Ottanta, ovvero i 4 decenni ... (Leggi l'Articolo)

9colonne
inviata da: 9colonne - Categoria: Cronaca - Fonte: http://feedproxy.google.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Pais e le meraviglie del cinema italiano anni ’60, in mostra fino all’ 8 marzo 2015

Rodrigo Pais racconta passioni, entusiasmi e bellezze del cinema italiano. Quello tutto d’ oro degli anni ’60, durante il quale lo stile italiano padroneggiava nel mondo con gli artisti del calibro di Federico Fellini e Michelangelo Antonioni. Uno dei migliori fotografi del dopoguerra. Sono gli scatti di Rodrigo Pais, scomparso nel 2007, a raccontare con […] (orangewebstudio)

Il Natale dei primi del Novecento

Leggi Il Natale dei primi del Novecento su GraphoMania. Ricordi dei Natali dei primi anni del Novecento, raccontati da un padre a una figlia e rimasti nella memoria: un modo per rivivere il Natale di altri tempi. Il post Il Natale dei primi del Novecento è stato scritto da Maria Giuseppina Zara ed è pubblicato su GraphoMania blog magazine della Graphe.it edizioni (robo71)

La Musica Pop a San Marco in Lamis dal dopoguerra ad oggi

Redazione San Marco in Lamis, venerdì 19 dicembre 2014 - La Musica Pop a San Marco in Lamis dal dopoguerra ad oggi, mostra fotografica a cura di Luigi Ciavarella. Le foto possono essere visionate dal 22 dicembre 2014 al 06 gennaio 2015 presso i Laboratori Artefacendo villetta comunale di San Marco in Lamis. Uno modo inedito e straordinario per raccontare i tanti artisti che hanno avuto origine nella nosta San marco. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. (michelece)

La rilocalizzazione delle biciclette elettriche Wayel in un lungo dossier de l’Espresso

Il magazine l’Espresso racconta di molte storie di ritorni in patria, dei primi imprenditori che hanno avuto il coraggio di riportare la produzione in Italia. Tra questi, Giorgio Giatti, presidente del gruppo Termal che nel 2013 ha rilocalizzato dalla Cina in Italia l’intera filiera produttiva di biciclette elettriche Wayel. (ertilia79)

“Lost in Europe”, il live di Danilo Rea

Nel 2000 usciva l’album per pianoforte solo del musicista veneto “La mia vera passione è stata sempre quella di poter improvvisare dall’inizio alla fine” (Danilo Rea) Piano jazz, la grande tradizione italiana L’Italia è custode di una grande tradizione per il pianoforte jazz. Durante il ventennio fascista (il regime aveva proibito la musica afroamericana), uno dei figli del Duce, Romano Mussolini, fu tra i primi a suonare e diffondere il jazz. Poi ci furono personaggi come Renato Carosone e Sante Palumbo che nel secondo dopoguerra furono tra i primi ad intuire le potenzialità del jazz. Nei decenni successivi si imposero grandi musicisti come Giorgio Gaslini, Franco D’Andrea, Claudio Fasoli, Luca Flores, Enrico Pieranunzi, Patrizio Fariselli, Stefano Sabatini, Joe Amoroso, Ernesto Vitolo, Stefano Bollani e Danilo Rea. Un protagonista assoluto del piano Il 57enne vicentino Danilo Rea è uno dei musicisti che in questi ultimi anni ha sviluppato con grande maestria e profonda sensibilità... (dazebao)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...