Bruno Amoroso: La speranza contro la paura

47 voti

33 mesi fa - La speranza contro la paura Riflessioni su un libro di Pietro Barcellona di Bruno Amoroso* Pietro Barcellona è uno dei pochi pensatori del Novecento che non ha superato lo shock prodotto dalla crisi del comunismo e, quindi, del sogno dell`alternativa al capitalismo e ai sistemi esistenti in Occidente, estraniandosi da questi, prendendone le distanze, rinunciando a una autocritica di se e del nostro passato. Al contrario, nella consapevolezza che ogni movimento verso il futuro non può che ripartire da una rilettura del presente e delle cause profonde, storiche e culturali, che quel fallimento hanno causato, si è fatto carico del compito di ricostruire l`intero ciclo evolutivo e involutivo che ha portato un progetto di emancipazione al suo fallimento. Quindi non una fuga in avanti, verso la modernità e il progresso infinito, cercando di confondersi come hanno fatto in tanti tra le folle inneggianti alla ”fine della storia”, alla... (Leggi l'Articolo)

tonino2308
inviata da: tonino2308 - Categoria: Politica - Fonte: http://www.sinistrainrete.info

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

L'amore è il sentimento della vita

È l'amore che dà significato a tutta la nostra esistenza: l'amore per la famiglia, l'amore per i figli, l'amore per la patria. Questo intricato sentimento che nasce dal cuore lo troviamo in ognuno dei nostri comportamenti", ha affermato il Capo di Stato della Unione Sovietica a conclusione di un congresso della RGO (Società Geografica Russa) che si è svolto in questi giorni a Mosca. Putin ha poi continuato manifestando le sue speranze nei giovani in cui si dice assolutamente convinto... (saltan)

ho paura di vivere

Ho paura di sognarti   di un sorriso senza futuro baciare le tue labbra nel più in alto dei silenzi L'amore dei mattini leggi tutto (rossovenexiano)

Rachele Bastreghi - Marie

Romanticismo, melodie ineccepibili e arrangiamenti che fanno la differenza, sono questi gli ingredienti di "Marie", l'esordio solista di Rachele Bastreghi dei Baustelle. Con classe e raffinatezza innate, la nostra ci porta nei meandri di una storia d'amore "finita", nei pensieri, nei ricordi e nei "dolori della giovane Marie", (tornata a Parigi), con sincerità e poeticità senza alcuna paura di sviscerare la propria delusione. Ne esce fuori un ritratto intimo e intenso che non delude affatto, che è un inno all'amore, dove tra le ombre si intravede appieno la speranza e la voglia di tornare ad amare. L'unica pecca è la poco durata. Analizzando le tracce nel dettaglio: "Senza essere": "quando i nostri occhi diffondevano la luce, resto immobile a fissare il buio penso a come ridevamo senza essere perversi"... è una evocativa ballad, con armonie melodiche sontuose, con gli archi "struggenti" a donare al corpus un senso epico e tragico al contempo: "quando i nostri gesti proiettavano il... (shake77)

Galletti: da Mattarella messaggio di responsabilità e speranza

“Il Presidente Mattarella ha trasmesso oggi a tutti gli italiani un messaggio di responsabilità e speranza. Lo ha fatto con parole di verità, richiamando le profonde contraddizioni politiche, economiche e sociali dell’Italia, ma facendo prevalere in ogni suo passaggio la fiducia nel futuro. Nelle sue parole di amore per l’Italia è tracciata una strada: centralità […] (tuttisostenibili)

Portare beneficio alla società fino all’ultimo respiro

Domanda: Se un uomo diventa famoso nel mondo grazie ai suoi eccezionali successi, si libera dalla paura della morte? Risposta: Non penso che esista un uomo che non ha paura della morte se egli comprende che la morte è la fine. Solo le bestie non hanno paura della morte. Hanno solo una paura istintiva di […] (deboracasali)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...