Il formicaio-cervello

46 voti

29 mesi fa - LA VOCE DEL MASTER – Quale è l’animale più sociale? Probabilmente la prima risposta che viene in mente è l’uomo. Ma non siamo certo gli unici a vivere in compagnia. Avere un’intensa vita collettiva è una delle innumerevoli caratteristiche che abbiamo in comune con altre specie animali, per lo più grandi mammiferi. Eppure anche altri esseri viventi, a volte molto piccoli come gli insetti, hanno una vita sociale molto articolata e gerarchicamente organizzata. Questi piccoli animali sembrano smentire una teoria teoria condivisa da molti scienziati , secondo cui per sviluppare la socialità serve un cervello grande. Un recente studio condotto dal ricercatore Andre Riveros dell’Università dell’Arizona e pubblicato sul numero di febbraio della rivista Animal Behaviour avanza però una spiegazione affascinate in accordo con l’ipotesi del Big Brain. (Leggi l'Articolo)

oggiscienza
inviata da: oggiscienza - Categoria: Scienza... - Fonte: http://oggiscienza.wordpress.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Le connessioni tra cibo e cervello

Sappiamo quanto l’alimentazione giochi un ruolo centrale nel corretto funzionamento del nostro organismo in tutte le sue componenti, tra cui anche il cervello. Il cibo che ingeriamo, infatti, contiene delle informazioni da cui dipende la nostra [...]. Filippo Ongaro ... Il presente articolo è originariamente pubblicato su http://www.informasalus.it/it/articoli/connessioni-cibo-cervello.php (informasalus)

Misurare l'età del cervello

I ricercatori presso del'Istituto Beckma della University of Illinois (Usa) hanno sviluppato una nuova tecnica non invasiva per misurare l'elasticità delle arterie del cervello, rivelando correlazioni tra la salute di queste e l'invecchiamento. La salute dell’arteria cerebrale, che è alla base del sistema cerebrovascolare, è fondamentale per l'invecchiamento del cervello e per prevenire malattie come il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza (moniatrentarossi)

Cancro al cervello / un aiuto dalle cellule staminali modificate

Finalmente una terapia volta a contrastare il cancro che colpisce il cervello grazie all’utilizzo di cellule staminali modificate. La scoperta è giunta dal Harvard Medical School dove una sperimentazione ha visto un alterazione genetica delle cellule staminali rendendo quest’ultime in grado di produrre una tossina capace di annientare le cellule tumorali del cervello senza intaccare […] (carlarocca)

DANNI AL CERVELLO PROVOCATI DAL MULTITASKING

Il multitasking tecnologico, ossia la capacità di utilizzare più media contemporaneamente, provoca delle modifiche nella struttura del cervello, queste hanno effetti negativi visto che comportano cali di attenzione, ansia e nei casi più gravi depressione. (medicinachannel)

Il multitasking danneggia il cervello e genera ansia

Usare in multitasking smartphone, tablet e pc arreca danni al cervello ed è causa di ansia. Secondo uno studio dell’Università del Sussex pubblicato sulla rivista PLoS ONE, lavorare in multitasking riduce la materia grigia, andando a modificare la struttura delle sinapsi. Gli scienziati hannoaaa (elgadi)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...