Sequestro e risarcimento: cosa ha deciso il giudice per Il Casalese oggi

52 voti

30 mesi fa - Attendevamo con ansia un verdetto, ci è arrivato un qualcosa che non è un verdetto ma non è nemmeno una condanna. Insomma, il giudice che aveva in mano il destino de Il Casalese e doveva stabilire se accettare o no (con il criterio dell’urgenza ex articolo 700) il sequestro e la distruzione del libro-inchiesta di [...]Sequestro e risarcimento: cosa ha deciso il giudice per Il Casalese oggi da: giornalisticamente (Leggi l'Articolo)

ciropellegrino
inviata da: ciropellegrino - Categoria: Cronaca - Fonte: http://www.giornalisticamente.net

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Svuota carceri: risarcimento al pedofilo, “non con le tasse dei cittadini”

Giudice dispone il risarcimento, il sindaco contro il ministro (leggioggi)

Fa causa alla moglie perchè troppo brutta e ottiene il risarcimento dal giudice

Pechino – Cina Una causa del tutto eccezionale e che ha colpito l’opinione pubblica di tutto il mondo si è verificata in Cina Settentrionale e precisamente a Pechino dove ilThe post Fa causa alla moglie perchè troppo brutta e ottiene il risarcimento dal giudice appeared first on Curiosità e Perchè. (curiositaeperche)

Stragi naziste. Spetta al Tribunale decidere sui risarcimenti

ROMA - L'esame delle richieste di risarcimento avanzato da alcune vittime italiane sopravvissute ai lager nazisti e da loro familiari resta riservato al giudice principale e non spetta, nel merito, alla Consulta, di fronte alla quale è stato sollevato il caso relativo all'immunità della Germania. «L'affermazione della giurisdizione del giudice rimettente - si legge infatti nelle motivazioni della Sentenza, di cui è relatore il giudice Giuseppe Tesauro - lascia impregiudicato il merito delle domande proposte nei giudizi principali, il cui esame resta a lui riservato. La pretesa di danni avanzata dai ricorrenti, infatti, non rientra nel thema decidendum attribuito al giudizio di questa Corte, per ciò stesso neppure la valutazione di ogni elemento di fatto o di diritto che ne confermi ovvero ne escluda il fondamento». Nel caso concreto, spetterà quindi al Tribunale di Firenze, di fronte al quale pendono le cause, valutare le istanze di risarcimento. Ma è chiaro che il Tribunale ora... (dazebao)

INCHIESTA CASALESI: DOPO 100 GIORNI I DI TELLA TORNANO IN LIBERTA'

L'AQUILA - Tornano in libertà dopo quasi cento giorni di carcere gli imprenditori Alfonso Di Tella e Domenico Di Tella, i principali indagati nell’inchiesta denominata "Dirty Job", accusati di contiguità con il clan dei Casalesi per accaparrarsi appalti per la ricostruzione e intermediazione illecita nel lavoro con sfruttamento degli operai. Le richieste di libertà sono state finora negate sia dal gip che dallo stesso Riesame. I Di Tella, che sono originari della provincia di Caserta, ma vivono all’Aquila da decenni e sono imprenditori edili, hanno sempre negato qualsiasi addebito. Nei mesi scorsi lo stesso giudice per le indagini preliminari del tribunale aveva scarcerato... (abruzzoweb)

«Evadere non è un reato grave»: per questa frase risarcirà un milione

Per il giudice del Tribunale di Vicenza affermare che «evadere non è un reato grave» è scorretto, tant'è che un imprenditore, Andrea Ghiotto, è stato condannato al risarcimento per un milione di euro all'Agenzia delle entrate per danno di immagine. Lo rende noto la stessa Agenzia dopo che la Direzione regionale del Veneto si era costituita parte civile a seguito di un'intervista televisiva in cui uno dei principali imputati di un inchiesta sull'evasione nel settore della concia delle pelli del distretto di Arzignano aveva affermato che «l'evasione non è un reato grave». Con il dispositivo del giudice l'imputato è stato condannato al pagamento della provvisionale con esecuzione immediata di un milione di euro di risarcimento per il fisco. Il Tribunale di Vicenza ha riconosciuto all'Agenzia delle Entrate un milione di euro a titolo di danno all'immagine. (mp37vi)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...