Sudan e Sud Sudan ancora ai ferri corti

45 voti

29 mesi fa - Come molti avevano previsto, la tensione tra il Sudan e il Sud Sudan, divenuto stato indipendente nel luglio scorso, cresce di ora in ora e la situazione è oramai molto vicina alla guerra franca. Le Nazioni Unite e la comunità internazionale sono intervenuti nei giorni scorsi chiedendo ai governi il rispetto dei civili, la cessazione [...]

ecoinchiesta
inviata da: ecoinchiesta - Categoria: Cronaca - Fonte: http://feedproxy.google.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Arrivati a Pozzallo, fra ieri ed oggi, 300 profughi

E’ appena terminato lo sbarco a Pozzallo (Ragusa) di 143 persone, giunte nel porto ibleo con un mercantile battente bandiera italiana. Fra i 143 profughi, 34 donne e 26 minori non accompagnati.  Le nazionalità di provenienza sono Egitto, Sudan, Somalia e Sudan. Due persone sono […] The post Arrivati a Pozzallo, fra ieri ed oggi, 300 profughi appeared first on .: La Spia :.. (laspiait)

Cento milioni di euro al giorno in armi. Tagliamo le ali agli F-35

  ROMA - La guerra imperversa ormai dall’Ucraina alla Somalia, dall’Iraq al Sud Sudan, dal Califfato Islamico (ISIS),al Califfato del Nord della Nigeria (Boko Haram), dalla Siria al Centrafrica, dalla Libia al Mali, dall’Afghanistan al Sudan, fino all’interminabile conflitto Israele –Palestina. Mi sembra di vedere il ‘cavallo rosso fuoco’ dell’Apocalisse :”A colui che lo cavalcava fu dato potere di togliere la pace della terra e di far sì che si sgozzassero a vicenda , e gli fu consegnata una grande spada.”(Ap.6,4) E’ la “grande spada” che è ritornata a governare la terra. Siamo ritornati alla Guerra Fredda tra la Russia e la NATO  che vuole espandersi a Est, dall’Ucraina alla Georgia. Nel suo ultimo vertice, tenutosi a Newpost nel Galles(4-5 settembre 2014), la NATO ha deciso di costruire 5 basi militari nei paesi dell’Est, nonché pesanti sanzioni alla Russia. Il nostro  Presidente del Consiglio,M.  Renzi ha approvato queste decisioni e ha anche aderito alla... (dazebao)

Le guerre del ventunesimo secolo? Sono per l’energia | BUONGIORNO SLOVACCHIA

Iraq, Siria, Nigeria, Sud Sudan, Ucraina, Mar della Cina a oriente e meridione: dovunque si guardi, il mondo è infiammato da nuovi conflitti o guerre che si intensificano. A prima vista appaiono eventi indipendenti l’uno dall’altro, fondati su circostanze specifiche. Ma guardando meglio si comprende come abbiano in comune caratteristiche fondamentali. E’ questa la presa di posizione di Michael T. Klare. (buongiornoslovacchia)

20 anni di Emergncy in diretta

Dal Mediolanum Forum per festeggiare 20 anni di programmi umanitari e ricordare le emergenze nei luoghi di conflitto, in Italia e in Sudan. Con Gino e Cecilia Strada, tra gli altri sul palco: Elisa, PFM, Fiorella Mannoia, Cristiano De Andrè, Casa del... (didofido)

Orizzontenergia: Le guerre del ventunesimo secolo? Sono per l’energia

I conflitti globali sono alimentati sempre più dalle mire su petrolio e gas naturale e sul denaro che queste risorse muovono. E su questo è impeccabile l’analisi di Michael T. Klare, docente di studi sulla sicurezza internazionale al Hampshire College di Amherst, in Massachusetts. Ha appena pubblicato il suo ultimo libro, "The Race for What's Left: The Global Scramble for the World's Last Resources". Iraq, Siria, Nigeria, Sud Sudan, Ucraina, Mar della Cina a oriente e meridione: dovunque si guardi, il mondo è infiammato da nuovi conflitti o guerre che si intensificano. WWW.ORIZZONTENERGIA.IT (orizzontenergia)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...