Soluzioni per le applicazioni off-grid ad energia solare 2/2

63 voti

29 mesi fa - Nelle analisi appena descritte, abbiamo visto come, calibrando le dimensioni dei pannelli solari e del dispositivo per l’immagazzinamento di energia, sia possibile identificare la potenza e l’energia utilizzate. Per calcolare la quantità di energia che deve essere generata, c’è bisogno di fare alcune considerazioni circa l’elettronica di potenza. leggi tutto (Leggi l'Articolo)

ionela
inviata da: ionela - Categoria: Scienza... - Fonte: http://it.emcelettronica.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Bye Bye bollette, con le case off grid

Chiudere con le bollette è decisamente il sogno di molti, se non di tutti: smettere di tremare quando si parla di crisi energetica ma soprattutto non avere più a che fare con tariffe e accise è pero ancora un pio desiderio. O almeno lo è per molti ma non per tutti: sono infatti tante le realtà in cui si cerca (e a volte si riesce), a diventare off grid. Non parliamo ovviamente solo di aziende, ma anche di privati, di semplici case, modificate per avere la possibilità di trasformarsi da consumatrici ad auto-produttrici di energia. L’off grid è infatti il distacco totale dalla rete, non tanto della casa, ma dell’impianto fotovoltaico. Leggi qui per ulteriori informazioni sugli impianti off-grid. Gli ingredienti fondamentali di questa ricetta magica sono un impianto fotovoltaico o comunque una fonte rinnovabile che produca energia, come biomasse, geotermia, vento, una pompa di calore ed un sistema di accumulo. Per chiudere il cerchio dell’off grid si dovrebbe anche recuperare... (investinelsole)

Fotovoltaico off grid, cosa è e quali sono i suoi vantaggi

Si sente spesso parlare di “fotovoltaico off grid”. Molti ne parlano, ma pochi sanno cosa effettivamente sia e quali siano i suoi effettivi vantaggi rispetto al fotovoltaico “on grid”. Per intenderci: il fotovoltaico off grid è il fotovoltaico che non immette nessun chilowatt in rete. E’ un impianto non connesso alla rete pubblica locale e per questo rimane sempre relativamente autonomo dai continui balzelli normativi e fiscali di enel e dell’autorità per l’energia elettrica. Il fotovoltaico “on grid”, invece, è il “classico” impianto connesso in immissione in rete. In genere viene connesso in rete con un contratto di “scambio sul posto” stipulato con il Gse, il Gestore dei Servizi Energetici. Con questo meccanismo l’energia prodotta in surplus viene immessa in rete e viene “pagata” dal Gse a titolo di rimborso parziale delle bollette pagate. Per approfondire lo scambio sul posto leggi qui... (investinelsole)

Ora solare 2014. Per risparmiare energia

Meno sprechi con l'ora solare: l'ultima domenica di ottobre, le lancette andranno posizionate indietro di un'ora, per risparmiare energia elettrica.L'articolo Ora solare 2014. Per risparmiare energia sembra essere il primo su Cose di Casa. (universocasa)

EXPO 2015. Enel presenta le sue Smart Grid

Naturalmente l'imminente edizione dell'Expo, che si terrà a Milano, è terreno fertile per progetti innovativi, tecnologie e sperimentazioni che coinvolgono anche il mondo dell'illuminazione, urbana e non solo. Enel, ad esempio, presenterà Smart Grid, una rete intelligente per la distribuzione dell'energia, realizzata con le più moderne tecnologie attualmente disponibili, ed un sistema di Energy Management per i padiglioni per il controllo dei carichi, l'ottimizzazione dei flussi di energia, l'integrazione degli impianti da fonte rinnovabile e la gestione dell'illuminazione. (archilight)

Net-Efficient, per lo sviluppo di reti urbane intelligenti

Le smart grid, già disponibili “sulla carta” con diversi gradi di complessità, rappresentano un modo intelligente di produrre, distribuire e consumare energia elettrica. L’obiettivo delle reti “smart” è quello di ottimizzare al massimo la produzione ed il consumo di energia per il risparmio energetico e per l’efficienza del sistema elettrico complessivo. Su piccola scala, come su grande scala. Ad esempio: una rete energetica può essere alimentata contemporaneamente da diverse fonti (solare, eolica, ecc…) quando disponibili. L’energia prodotta sfruttando le fonti rinnovabili può essere distribuita (in gergo tecnico: “dispacciata“) in tempo reale su una vasta rete, in base al fabbisogno estemporaneo e può essere stoccata in batterie in grado di accumulare temporaneamente le eccedenze produttive. Uno dei principi base di una smart grid è: sfruttare l’elettricità nel momento in cui viene prodotta dalla fonte rinnovabile.... (investinelsole)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...