Canon 5D Mark III, 5D Mark II, Nikon D800: come si comportano con luci scarse?

49 voti

36 mesi fa - I ragazzi del laboratorio NoFilmSchol hanno recentemente messo a confronto la Canon 5D MarkII, la 5D Mark II e la Nikon D800 per verificare le prestazioni di queste 3 reflex professionali in condizioni di luce scarsa. Tutte e 3 le fotocamere hanno filmato la stessa scena, illuminata solo dalla flebile luce di una candela, con le stesse impostazioni ISO. Piano piano i tecnici hanno spinto le reflex fino ai loro rispettivi limiti. E' sorprendente notare la grande differenza di prestazioni in base a luce scarsa/alta e della sensibilità ISO delle rispettive reflex, sopratutto alla luce dei risultati del test DoX lab dedicato ai sensori. (via NoFilmSchool via Fstoppers) (Leggi l'Articolo)

ildebrando
inviata da: ildebrando - Categoria: Scienza... - Fonte: http://feedproxy.google.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Stadio della Roma, le rassicurazioni di Mark Pannes

Mark Pannes, Ceo di Stadio della Roma, in una intervista a Roma Tv ha aggiornato... continua » (romanordnews)

F1: Helmut Marko ammette “La Red Bull ha gravi problemi di telaio”

Helmut Marko ha per la prima volta pubblicamente ammesso che la Red Bull ha altri problemi, oltre al motore Renault. Una feroce controversia fra la scuderia dell’Energy Drink e il motorista francese era scoppiata all’indomani del Gran Premio d’Australia, con Cyril Abiteboul ad accusare Adrian Newey di essere un “bugiardo”. La bugia più grossa, sempre stando […] (fabiortr)

PIMCO: deflussi in frenata dal Total Return

Il fondo da inizio anno ha guadagnato il 2,6% grazie ai nuovi tre gestori Mark Kiesel, Scott Mather e Mihir Worah (advisoronline)

Conoscere l’autismo per affrontarlo meglio

SALUTE – Un disturbo a elevato impatto sociale, sulle cui cause e sulla cui diffusione i dati sembrano non essere certi. Nella Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo ascoltiamo il contributo del neurologo Mark Tano Palermo, Professore di Psichiatria presso il Dipartimento di psichiatria e medicina del comportamento al  Medical College of Wisconsin, Milwaukee, USA e presidente del Law and Behavior Foundation. Nell’immaginario collettivo i disturbi autistici sono stati rappresentati cinematograficamente dal film Rain man nel 1988. Che cosa ha lasciato questo film? Ah! Rain man. Questo film ha purtroppo affrontato riduttivamente il problema, sottolineando peraltro quella che è una delle caratteristiche, in realtà, più rare dell’autismo, ossia le capacità di savant che occasionalmente si incontrano in queste persone. Competenze fuori dell’ordinario in ambito mnemonico, che purtroppo sono quasi sempre sganciate da una finalità “produttiva”, e, come in Rain man... (oggiscienza)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...