Alzheimer, cani guida per i malati

45 voti

35 mesi fa - Con i ciechi e i disabili svolgono già un ruolo fondamentale. Presto diventeranno indispensabili anche per i malati di Alzheimer. Sono i cani guida, in particolare le razze labrador e golden retriever, che un progetto appena avviato in Scozia ha messo al centro di un programma di aiuto rivoluzionario. (Leggi l'Articolo)

gigi2006
inviata da: gigi2006 - Categoria: Salute - Fonte: http://nelmondonostro.forumfree.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

L’uomo-cane. Racconto breve di Iannozzi Giuseppe

L’uomo-cane di Iannozzi Giuseppe Chissà perché non amo essere preso per i fondelli. Sono stato costretto a fare fuori il cane. Ho tirato verso di me il cane a cresta del revolver e poi l’ho lasciato andare. Il proiettile s’è … Continua a leggere → (iannozzigiuseppe)

Comportamento del cane: sai cosa significa “monta da dominanza”?

La “monta da dominanza” è un comportamento del cane spesso frainteso e motivo di imbarazzo per i proprietari. Cerchiamo di capire meglio cosa significa e come dobbiamo comportarci quando accade. Ecco perchè il cane “monta” Vi sarà capitato di trovarvi al parco, dal veterinario oppure semplicemente in casa con amici e vedere il vostro cane […] (petpassiontv)

E' MORTO SAM SIMON, IL CO-CREATORE DEI ''SIMPSONS''

LOS ANGELES - È morto Sam Simon, il co-creatore dei Simpsons. Malato da tempo di cancro al colon, Simon aveva 59 anni. È morto nella sua casa di Los Angeles circondato dalla famiglia e col suo cane. Simon era un determinato difensore dei diritti degli animali e il cane aveva avuto una parte importante nella sua vita. Vincitore di nove Emmy, l’equivalente dell’Oscar per la televisione, Simon aveva creato i Simpson nel 1989 con Matt Groening and James L. Brooks. Aveva guadagnato milioni di dollari con le royalty dopo avere lasciato lo show nel 1993, ma poi, una volta appreso di avere... (abruzzoweb)

Se sei felice, il cane lo sa

SCOPERTE – Per chi ha un cane la ricerca di Corsin Müller e Ludwig Huber del Messerli Research Institute di Vienna, da poco pubblicata su Current Biology, è poco più che la scienza dell’ovvio. Qualsiasi padrone di cani direbbe “beh, ho sempre saputo che il mio cane poteva capire le mie emozioni anche solo guardandomi in faccia”. Ora la scienza, però, ha confermato quella che, ad occhi esterni, sembrava più una pura credenza da “cinofili innamorati”. Nel 2013 Ludwig Huber e colleghi hanno dimostrato che i cani sono in grado di riconoscere i visi umani in fotografia. Poi, esattamente un anno fa una ricerca ucraina, pubblicata anch’essa su Current Biology, dopo aver analizzato attraverso risonanza magnetica un gruppo di umani e 11 cani, aveva rivelato che i cani “sentono” le emozioni come noi. Durante l’ascolto da parte dei partecipanti di centinaia di suoni diversi, tra i quali il pianto di una bambino e il guaito di un cucciolo, i ricercatori hanno osservato... (oggiscienza)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...