Mantenersi attivi per ridurre il rischio di Alzheimer

53 voti

30 mesi fa - Cucinare, lavare i piatti e fare le pulizie di casa può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer anche in chi ha superato gli 80 anni di età. È quanto sostiene una ricerca pubblicata sulla rivista Neurology secondo la quale chi si mantiene [...]. Redazione InformaSalus.it ... Il presente articolo è originariamente pubblicato su http://www.informasalus.it/it/articoli/mantenersi-attivi-alzheimer.php (Leggi l'Articolo)

informasalus
inviata da: informasalus - Categoria: Salute - Fonte: http://www.informasalus.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

ALZHEIMER / nanoparticelle attive contro le placche che causano la malattia

ALZHEIMER, efficace risulta essere l’attività di nanoparticelle nel “ripulire” il cervello dalle placche della proteina beta Amiloide responsabile della manifestazione del Alzheimer. Le nanoparticelle anti-Alzheimer denominate  amiposomi, sono frutto di un enorme lavoro svolto nell’ambito del progetto di ricerca europeo Nad (Nanoparticles for therapy and diagnosis of Alzheimer Disease) coordinato dall’Università di Milano-Bicocca i cui risultati […] (carlarocca)

Troppi ansiolitici aumentano il rischio di Alzheimer

Troppi ansiolitici possono aumentare il rischio di sviluppare l'Alzheimer. A mettere sotto accusa il benzodiazepine, un tipo di farmaci contro l'ansia e l'insonnia, è un articolo pubblicato sul British Medical Journal da parte di un gruppo misto di [...]. Redazione InformaSalus.it ... Il presente articolo è originariamente pubblicato su http://www.informasalus.it/it/articoli/ansiolitici-rischio-alzheimer.php (informasalus)

Gelosia, Stress e Invidia Raddoppiano Rischio di Alzheimer nelle Donne

La gelosia e l'essere troppo ansiose e introverse possono portare le donne a un rischio maggiore di sviluppare l'Alzheimer, andando avanti con gli anni. (saracat)

Le noci proteggono il cervello dall'Alzheimer

Le noci, il frutto autunnale ricco di sapore e preziose virtù benefiche, già noto per precedenti ricerche che ne hanno esaltato le proprietà nutrizionali e antiossidanti, utili in molti ambiti della salute.    Un nuovo studio, condotto dai ricercatori del Developmental Neuroscience Laboratory al New York State Institute for Basic Research in Developmental Disabilities (IBR), ha messo in luce come questo tipo di frutta secca possa avere effetti benefici nel ridurre il rischio, ritardare l’insorgenza, rallentare la progressione o prevenire l'Alzheimer.   (ingusto)

California: l'Associazione Alzheimer rifiuta un contributo dagli attivisti contro le chemtrails

California: l'Associazione Alzheimer rifiuta un contributo dell'attivista contro le scie chimiche, Dane Wigington (protheus)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...