I dati INPS a novembre 2016 dell'Osservatorio sul Precariato dimostrano, ancora una volta, il fallimento del Jobs Act

I dati INPS a novembre 2016 dell'Osservatorio sul Precariato dimostrano, ancora una volta, il fallimento del Jobs Act
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Per rinfrescarci la memoria sulle "meraviglie" del Jobs Act, l'INPS ha pubblicato i dati di novembre 2016 relativi all'Osservatorio sul Precariato.

Il primo dato interessante riguarda i voucher. Rispetto al corrispondente mese del 2015, l'utilizzo di questa forma di retribuzione ha subito, a partire da ottobre 2016, una flessione significativa, tanto che a dicembre 2016 il numero dei voucher venduti risulta 11,5 milioni, dato che è sostanzialmente equivalente a quello di dicembre 2015 (11,4 milioni).

Tale rallentamento nell'utilizzo dei voucher risente dell'effetto relativo agli obblighi di comunicazione preventiva in merito all’orario di svolgimento della prestazione lavorativa, divenuti operativi solo a partire dalla seconda metà di ottobre 2016.

In ogni caso, il numero di voucher del valore nominale di 10 euro venduti nel corso del 2016 è pari a 133,8 milioni con un incremento, rispetto al 2015, del 23,9%. Un'enormità!

Altro dato interessante riguarda le assunzioni, riferibili al lavoro nel settore privato. Nel periodo gennaio-novembre 2016 sono state 5.323.000, 320.000 in meno rispetto al corrispondente periodo del 2015, pari al -5,7%. Il dato comprende anche le assunzioni stagionali, pari a 510.000.

La diminuzione corrisponde ad una notevole decremento delle assunzioni a tempo indeterminato: –547.000 nei primi undici mesi del 2016, pari a –32,3% rispetto ai primi undici mesi del 2015!

Il forte calo è spiegato con il fatto che nel 2015 le assunzioni potevano beneficiare dell’abbattimento integrale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, per un periodo di tre anni. Sgravio che aveva spinto molti imprenditori a trasformare i contratti di lavoro da tempo deteminato a tempo indeterminato. Analogamente, per lo stesso motivo, da gennaio a giugno 2016 vi è stata una contrazione del flusso di trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato del -34,8%.

Per i contratti a tempo determinato, nei primi undici mesi del 2016, sono state registrate 3.451.000 assunzioni, in questo caso in aumento sul 2015 del +6,7%. In crescita anche i contratti in apprendistato che aumentano di 47.000 unità (+27,5%) rispetto al 2015. I contratti stagionali registrano una riduzione del 6,6%.

Altro dato interessante è quello che riguarda, all'interno delle cessazioni dei rapporti di lavoro, i licenziamenti. Quelli per giustificato motivo oggettivo, licenziamento collettivo o non rientrante nelle altre tipologie, sono stati, nel periodo gennaio-novembre del 2016, 440.881 contro i 418.723 del 2015. Inoltre, i licenziamenti per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, sempre in relazione agli undici mesi, sono stati 67.374 nel 2016 contro i 53.056 del 2015.

Questi dati sono la perfetta dimostrazione che il Jobs Act, più che una riforma strutturale del mercato lavoro, si è rivelato quello che molti avevano predetto, un fuoco di paglia che non poteva certo far ripartire l'economia incentivando la trasformazione dei contratti di lavoro da tempo determinato a permanenti.

mario_falorni
nella categoria Economia
Attendere...