Un basso visionario dal suono intimo e assoluto: intervista a Mark Egan

Un basso visionario dal suono intimo e assoluto: intervista a Mark Egan

Nel filmato sottostante l'intervista a Mark Egan: «Quando mi unii al Pat Metheny Group nel 1976 fu l’inizio di una fase di reale evoluzione, una volta che approcciai il fretless. Mi resi conto che lo strumento risultava molto espressivo e che qualsiasi melodia o linea di basso poteva essere suonata infinite volte ma con sfumature differenti ad ogni nota...»


Maggiori dettagli da un'altra fonte
Manuela Avino
nella categoria Cultura e Spettacolo
Attendere...