Rubava i soldi destinati ai poveri.

Rubava i soldi destinati ai poveri.

Il Messagero riporta che :

Nel 2016, il presidente di una fondazione dello Stato pontificio avrebbe fatto cassa con i finanziamenti comunitari erogati per le famiglie povere, sottraendoli ai legittimi assegnatari. Bruno Dellamotta, 69 anni, almeno fino a sei mesi fa a capo della fondazione ecclesiastica Santa Maria Goretti, con sede a Città del Vaticano, è indagato nell’ ambito di un’ inchiesta della procura distrettuale di Catanzaro.

Per lui, è stato spiccato un ordine di arresto. Il magistrato antimafia Nicola Gratteri lo accusa di aver succhiato, «per dirottarli in investimenti a rischio», contributi pubblici destinati al «Credito sociale», una cassa pensata per sostenere le famiglie disagiate in Calabria. Dopo avere acquisito tutta la documentazione necessaria, i carabinieri e la guardia di finanza hanno captato la voce di in suo complice, Ortenzio Marano, amministratore delegato della Coperfin spa.

L’ uomo non sapeva di essere intercettato: «Io, tu e Bruno esordì al telefono con il fedelissimo imprenditore Giuseppe Castelli – ci siamo fottuti ottocentocinquantamila euro di finanziamenti pubblici, punto». Secondo gli investigatori, Bruno è Bruno Dellamotta. Il progetto giubilare: tutto comincia con la Regione Calabria che delega la gestione finanziaria del Credito sociale alla Coperfin spa. Da quel giorno, i contributi comunitari erogati per i più deboli iniziano a fare un giro strano, il manager della Coperfin spa foraggia se stesso.

Ne danno conto gli accertamenti svolti dagli inquirenti: e’ il caso dei bonifici accreditati sui conti della Wbt e della M&m, di cui è amministratore delegato proprio Ortenzio Marano. Qualche giorno dopo, le due società hanno siglato un accordo quadro con la Fondazione Santa Maria Goretti. Al centro dell’ accordo, documentano le indagini, «la raccolta e la gestione di provviste finanziarie da investire sul mercato internazionale» e un fantomatico progetto giubilare. Il resto lo hanno fatto i dialoghi intercettati. Ascoltando in cuffia le conversazioni, i finanzieri e i militari dell’ Arma hanno trovato i riscontri che cercavano.

razional-mente
nella categoria Cronaca
Attendere...