Giro d’Italia 11^ Tappa Assisi – Montecatini Terme

42 voti

3 anni fa - La “Tappa Bartali” del Giro d’Italia ovvero la tappa più lunga della corsa rosa, porterà i corridori da Assisi a Montecatini Terme. Una tappa lunga ma senza particolari asperità con 2 Gran Premi della Montagna che sono poco più che dei cavalcavia, in particolare il secondo a Vico. La tappa sarà probabilmente preda di un velocista (Leggi l'Articolo)

sgamar
inviata da: sgamar - Categoria: Sport - Fonte: http://www.regioni-italiane.com

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Riparte il giro del mondo di Solar Impulse 2

È finalmente decollato da Nagoya, in Giappone, Solar Impulse 2, l’aereo alimentato a energia solare che sta compiendo il giro del mondo. Il velivolo era stato costretto dal maltempo a un atterraggio imprevisto durante la tappa più impegnativa della sua … Continua a leggere → (pdigirolamo)

A Napoli non piove mai di Sergio Assisi al cinema dal 1 ottobre: trailer ufficiale [VIDEO]

Uscirà il prossimo 1 ottobre nelle sale cinematografiche A Napoli non piove mai, opera prima dell’attore napoletano Sergio Assisi. Il trailer ufficiale (presentato a Ischia al Global Film & Music Fest) è stato pubblicato su Youtube lo scorso 14 luglio e in meno... [Continua a leggere] (velvet_cinema_italia)

Ehi, occhio al tappo: serve alla Ways

Ehi, dammi un tappo! Sì, proprio un tappo, di quelli che si usano per chiudere le bottiglie di plastica; nella giornata di martedì 14 luglio, negli uffici anagrafici del XV Municipio di La Storta e Prima Porta, sono stati collocati i primi raccoglitori di tappi di plastica per sostenere il progetto dei ragazzi della Ways,la [...] (vignaclarablog)

Discarica di Bussi: la pronuncia della Corte d'Assise di Chieti

Discarica di Bussi: la pronuncia della Corte d'Assise di ChietiSul n. 5 della rivista Ambiente e Sicurezza sul Lavoro -  Editore EPC è stato pubblicato il contributo Discarica dei veleni di Bussi: il disastro ambientale “senza colpevoli” nel quale viene illustrato il ragionamento che ha portato la Corte di Assise di Chieti a pronunciare la sentenza di assoluzione degli imputati per uno dei due reati contestati (avvelenamento delle acque), “perché il fatto non sussiste”, e dichiarare il “non doversi procedere” per il secondo (disastro ambientale, derubricato a delitto colposo di danno) per intervenuta prescrizione.Torniamo indietro e facciamo mente locale su questa annosa vicenda: in Abruzzo, in prossimità della confluenza di due fiumi, il Tirino e il Pescara, in una zona ricca d’acqua superficiale e profonda, nei primi anni del secolo scorso veniva insediato un polo chimico gestito, nel corso del tempo, da diverse società, senza che nessun ente locale sollevasse alcuna... (andreaquaranta)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...