Rapporto Unioncamere: imprese cercano 100mila lavoratori

63 voti

3 anni fa - Saldatori, cuochi, infermieri, esperti di marketing, falegnami, ingegneri, commercialisti, fabbri. Sono alcuni dei mestieri introvabili, di cui le aziende vanno a caccia. L'annuale classifica del 2011 è stata redatta dal rapporto Excelsior di Unioncamere-Ministero del Lavoro. Si tratta di quasi 100mila posti di lavoro: 31.790 nelle grandi imprese e ben 61.720 nelle Pmi. (Leggi l'Articolo)

nestore
inviata da: nestore - Categoria: Salute - Fonte: http://www.nestorepaladinoambiente.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Lavoro: più assunzioni con gli sgravi. Cgil: "Nessuna svolta"

Nel I trimestre 2015 crescono i rapporti di lavoro a tempo indeterminato grazie all'esenzione dai contributi, ma cala la retribuzione media. Sorrentino (Cgil): siamo di fronte a un grande regalo alle imprese e a meno diritti per i lavoratori. (piazzaxx)

Andrea Fumagalli: Il riscatto del debito

Il riscatto del debito Andrea Fumagalli Nuove frontiere di comando e di subalternità (di sussunzione?) si stanno prepotentemente affacciando alla ribalta del nuovo millennio. Non è altro che il “lato oscuro” (dark side) del rapporto capitale-lavoro, il quale è sottoposto a una torsione come raramente si è verificata nella storia contemporanea, soprattutto in Europa e in Italia. Il rapporto di sfruttamento oggi fuoriesce dal semplice atto lavorativo per andare a intaccare una sfera molto più vasta, quella della vita, o meglio, del modo di vivere. Non è più immediatamente riscontrabile nel rapporto diretto: essere umano (forza-lavoro) vs “macchina”, lavoro vivo vs lavoro morto. Oggi sempre più assistiamo al divenire macchinico dell’umano e viceversa, in un connubio dove è difficile delineare una netta separazione tra la coscienza umana e il mondo artificiale. Da questo punto di vista, lo... (tonino2308)

Environmental Risk Manager Italia

L'Environmental Risk Management permette alla tua impresa di volare protettaNella prassi lavorativa del settore ambientale anche in Italia incomincia a delinearsi una figura professionale che dovrebbe soddisfare l’esigenza, sempre più avvertita, di dare una risposta efficace alla domanda di certezza da parte delle imprese, e di suggerire strategie prima del verificarsi di un danno, per scongiurare il suo verificarsi, e/o limitarne gli effetti più problematici. Tale figura ha preso il nome di environmental risk manager, spesso sintetizzato con ERM, che potrebbe essere tradotto come manager del rischio ambientale d'impresa.In passato la portata dell'environmental risk management è stata circoscritta all'adozione di provvedimenti emergenziali, e quindi fra loro disgiunti, volti a contenere il rischio o il danno derivante da specifiche attività, e alle sole manifestazioni più evidenti del fenomeno, ossia quelle economico-finanziarie, tanto da farla ritenere un'attività interna di tipo... (andreaquaranta)

ITALICUM: A L'AQUILA NASCE COMITATO CIVICO REFERENDARIO

L'AQUILA - Si chiama 'Dobemus' il Comitato Referendario Civico Italiano nato all'Aquila per iniziativa "del cittadino Celso Cioni", come scrive in una nota l'attuale direttore regionale di Confcommercio imprese, "fino al 2008 con ruoli istituzionali e politici nell'area cattolica e democratica e promotore di liste civiche ispirate al territorio montano abruzzese".  '"Dobemus nasce proprio il primo maggio, festa dei lavoratori - spiega Cioni - in omaggio a tutti i lavoratori dipendenti ed autonomi e proprio di chi da oggi vuole, per noi deve, lavorare per difendere i valori della democrazia ed in particolare del diritto di voto, con le modalità espressamente previste... (abruzzoweb)

Attendere...
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...