La censura con la scusa di combattere il bullismo

La censura con la scusa di combattere il bullismo
Dopo una serie di cyberbullismo di alto profilo e i conseguenti incidenti di vendetta-porno, la Camera dei deputati italiana ha presentato un disegno di legge che non farà nulla per prevenire questi abusi, e tutto per consentire la dilagante e inspiegabilecensura di Internet italiana, senza regola legge o sanzione per abuso. 
 
Secondo la proposta di legge, i "gestori dei siti" e media italiani, tra cui i blogger, giornali e social network sarebbero obbligati a censurare la "presa in giro" in base "alla condizione personale e sociale" della vittima - che è, tutto ciò che personalmente il destinatario si sarebbe sentito offeso. La pena per la mancata adozione di azione è una multa di € 100.000. La verità è che non siasolo una difesa in giacca e cravatta ai sensi della presente legge - lo standard è l'insulto personale, non la falsità.
Altri dettagli
protheus
nella categoria Politica
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Attendere...