L'ultima "moda" in fatto di omofobia? Silvana De Mari

L'ultima moda in fatto di omofobia? Silvana De Mari
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Medico chirurgo, affermatissima scrittrice di romanzi fantasy e di libri per ragazzi, Silvana De Mari ha anche un'altra "particolarità", quella di essere una fervente cattolica rigorosamente tradizionalista, tanto da vedere nel papa attuale quasi la perfetta rappresentazione dell'Anticristo.

Nelle ultime settimane, Silvana De Mari è balzata agli onori della cronaca per le sue posizioni ultra conservatrici, soprattutto in tema di diritti civili, trovando supporto e voce alle sue tesi nelle pagine del quotidiano La Croce, diretto da Mario Adinolfi, giornalista, politico, blogger, giocatore di poker professionista e, soprattutto, cattolico tradizionalista, difensore accanito del modello tradizionale di famiglia, tanto da spingerlo a creare un omonimo partito politico, il PdF, cioè il Partito della Famiglia.

I due personaggi sembrano aver trovato una sintonia perfetta, perlomeno nel riuscire, quasi quotidianamente a far parlare di sé, grazie alla diffusione di tesi soprattutto contro gli omosessuali.

A seguire, un piccolo esempio del "pensiero" di Silvana De Mari pubblicato, per l'appunto, sul quotidiano La Croce.


"La sessualità è un modo studiato dalla biologia per creare la generazione successiva con l’incontro di maschile e femminile. Dove non c’è incontro, non c’è sessualità. L’omosessualità non esiste. Esiste invece un odio da parte delle lobby lgt nei confronti di chi sostiene la verità. Le loro cosiddette fondamenta scientifiche si basano sulla psichiatria. La psichiatria non si sa bene che cosa sia, forse a malapena può conoscere la psiche. Ma si basa su affermazioni non verificabili sul piano scientifico. Pretende di stabilire cosa è normale e cosa non lo sia in base a congetture."

"Che cosa puoi dire di reale sulla natura dell’umano se non hai mai fatto una rettoscopia? Voglio dire che il pensiero unico di una minoranza di persone ci ha messo in testa che tutto è lecito e tutto si può fare se uno lo desidera. Questo può avere un significato sul piano delle convinzioni personali, ma è tutto tranne che fondato sulla evidenza della natura."

"Il mio scopo, il nemico da abbattere e che abbatterò (o morirò nel tentativo) è la pedofilia."

"Se si stabilisce che l’omosessualità non è un disordine di natura, allora anche la pedofilia lo può essere altrettanto. La si maschera come attrazione per il bello dei bambini. Piccole aperture sempre più ufficiali del movimento lgbt statunitense alla pedofilia. I pedofili si chiamano "map", persone attratte da minori. Il circolo lgbt di Roma è intitolato a Mario Mieli, cantore di pedofilia, necrofilia e coprofagia. Posso assumere che tutti gli iscritti provino simpatia per queste pratiche? O che almeno non ne provino nausea? Posso? E così tutto diventa lecito in quanto non è patologico, non è una malattia. Capite che cosa sta accadendo oggi nell’indifferenza quasi generale?"

"L’indifferenza del movimento lgbt per le persecuzioni subite da omosessuali sotto l’Islam è la dimostrazione [che le lobby lgtb non difendono i diritti delle persone omosessuali]. Se ci fa caso non troverà mai una dichiarazione, un attacco pesante contro l’Islam. Perché? Il benessere degli omosessuali non è la loro battaglia. Quale è la loro battaglia? Una sola, ed è il motivo per cui i poteri forti li appoggiano. Distruggere il Cristianesimo, questa è la loro ossessione – sì, scriva ossessione -. Mosè, Cristo e San Paolo condannano la sodomia. Quando Cristo afferma che coloro che non credono saranno puniti ancora più duramente degli abitanti di Sodoma, sta condannando la Sodomia. Se è vero che l’omosessualità è buona e giusta, allora è giusto condannare il Cristianesimo come falso. Podesta - il vice della Clinton ha ufficialmente dichiarato che avrebbero chiuso le Chiese, ree di rifiutare i matrimoni gay. Sacerdoti sono già stati inquisiti per avere letto San Paolo."

"Il movimento lgbt vuol distruggere il Cristianesimo. Il movimento lgbt è il grimaldello con cui alcuni poteri forti stanno finalmente vietando il Cristianesimo, lo stanno spazzando via, così da lasciare lo spazio all’Islam."

"Chiedo a coloro che si ritengono omosessuali di aiutarmi, di aiutarmi contro il movimento lgbt che non li rappresenta e che non li protegge. E di aiutarmi a difendere la libertà. Avevo deciso di essere tollerante, tutto sommato, in effetti, perché attaccare c’è il rischio di destabilizzare qualcuno già fragile. Non ho mai creduta vera l’affermazione sulla normalità dell’omosessualità, ma ho creduta vera l’affermazione sulla inevitabilità per alcuni di questi comportamenti, e mi sembrava corretto lasciare che ognuno vivesse come vuole senza critiche. Perché ho cambiato idea? La persecuzione religiosa del movimento lgbt contro il Cristianesimo. La persecuzione del movimento lgbt contro la libertà di parola. Le scuole cattoliche inglesi costrette a parlare a favore dei matrimoni omosessuali. La parola matrimonio nasce da madre, il matrimonio serve perché un uomo protegga la donna che porta la maternità dei suoi figli così che lei possa diventare madre. Il matrimonio omosessuale non ha questa funzione, quindi è senza funzione, ed apre al matrimonio islamico poligamo. Se va bene tra due uomini, perché non tra tre uomini? E perché non tra un uomo e quattro donne?"

"Le mostruose trasmissioni fatte da Rai 3. La legge Cirinnà, la pensione di reversibilità garantita a omosessuali e a chi finge di esserlo, in una nazione dove non c’è più denaro per nulla, una nazione alla fame. L’indottrinamento fatto nelle scuole da attivisti lgbt pagati con denaro pubblico che parlano di omosessualità senza nominare le parole aids e sifilide e se le nominano affermano che sono stereotipi."

"La famiglia è – e lo è sempre stato – il vero antidoto contro le ideologie perverse che vogliono smontare a pezzi l’umano. Contro l’evidenza. E di fronte ad attacchi concentrici di gittata sempre più pericolosa, è ora di reagire."

"L’associazione psichiatri americani, APA, che da 60 anni regna sul mondo controllando e dirigendo tutti gli ordini di psicologi, ha dichiarato che la pedofilia non è una perversione sessuale, ma un normale orientamento sessuale. Il primo gradino, quindi, per affermare la pedofilia è stato l’uccisione del maschio occidentale. Sempre più filosofi e pensatori, Pasqal Bukner, Claudio Risè, i primi si sono accorti che è stato assassinato il padre. Quindi cominciamo a darci da fare per riportarlo in vita, perché ci serve."


Questo florilegio che riassume lo posizioni del pensiero della dottoressa De Mari che hanno sollevato numerose polemiche è utile a Mario Adinolfi per promuovere la prossima assemblea nazionale del Popolo della Famiglia, ribadendo che "potranno pure zittirci dietro le sbarre, ma per ognuno di noi reso silenzioso, mille si alzeranno a combattere la buona battaglia."

A causa del numero eccezionale di adesioni annunciate per l'assemblea nazionale del Popolo della Famiglia, il "buon" Adinolfi si è visto costretto ad affittare uno tra i teatri più capienti d'Italia (platea e ben tre balconate), l'Eliseo di Roma in via Nazionale 183.

Fatto salvo che la libertà d'espressione è sacra ed ognuno ha il diritto di esprimere liberamente il proprio punto di vista, è però utile domandarsi se sia lecito che questo possa spingersi fino a negare agli altri la possibilità di vivere liberamente la propria vita a partire dalle proprie scelte sessuali.

In fondo, la dottoressa De Mari esprime un pensiero pretendendo la libertà di opinione che deve essere concessa a tutti, ma lo fa per impedire agli altri la libertà di vivere come meglio credono.

Al di là di altre considerazioni, vi è una certa incoerenza.

marziobimbi
nella categoria Cronaca
Attendere...