Misure anticrisi: tassi sui mutui prima casa al 4%

7 anni fa L’articolo 2 del decreto anticrisi (DECRETO-LEGGE 29 novembre 2008, n. 185) ha previsto, il blocco dei tassi d’interesse al 4% sui mutui per l’acquisto, ristrutturazione e costruzione della prima casa per le rate che scadono nel 2009.
Non sarà la banca a ridurre la rata ma lo Stato ad accollarsi la differenza di tasso. Quindi se il tasso d’interesse è del 5%, il 4% rimane a carico del mutuatario l’1% verrà pagato dallo Stato.

Attenzione
La misura si applica solo ai mutui a tasso variabile stipulati fino al 31 ottobre 2008.La casa non deve essere stata accatastata come A1, A8 o A9 (abitazioni di lusso, ville ecc.).”Cavillo”. Se al momento della stipula del mutuo il tasso variabile
(Continua...)
teresasmile
nella categoria Economia
Altri articoli di possibile interesse:

Fed: tutti i danni di un rialzo dei tassi

15/12/2015 13:59 -   Con tutta probabilità, il 16 dicembre la FOMC, braccio esecutivo della Fed, annuncerà il rialzo dei tassi di riferimento. Una scelta che è stata a lunga rimandata e che, in ogni caso, darà il via a una stretta monetaria comunque moderata. Si parla, infatti, di un aumento dei tassi da 0,25 a 0,375. Nella […] (tradingbinario)

CONSIGLIO REGIONALE: SI AFFILANO LE ARMI CONTRO IL MUTUO DA 100 MILIONI PER COPRIRE VECCHI DEBITI

16/12/2015 05:15 - L'AQUILA - Battaglia attesa in aula oggi in consiglio regionale sul mutuo da 100 milioni di euro che la maggioranza intende autorizzare con il voto d’aula, che trova però la forte contrarietà da parte delle opposizioni di centrodestra e del Movimento 5 stelle. Braccio di ferro, come antipasto, in commissione bilancio dove l’oggetto del contendere è invece una variazione del bilancio del Consiglio regionale volto a liberare 550 mila euro di avanzo di amministrazione, da destinare per 350 mila euro a retribuire due magistrati della corte dei conti “interni”, per assicurare la correttezza contabile e prevenire altre censure della Corte... (abruzzoweb)

Lettera aperta ai Deputati 5 Stelle all'ARS.

20/01/2016 10:45 - Regalare una casa o impegnarsi perché tutti possano avere una casa? Signori Deputati del Movimento 5 Stelle all’Assemblea Regionale Siciliana, ho appreso dalla stampa che vi siete resi protagonisti di un gesto nobile, altamente meritorio ma anche intelligentemente propagandistico. Avete comprato la casa del muratore cui era stata espropriata, e per la cui conseguenza si era suicidato, regalandola successivamente alla moglie e ai figli. In sé il gesto è fortemente umanitario e mi complimento con voi. Noi Missini non siamo presenti nel Parlamento regionale e non gestiamo soldi provenienti, a qualsiasi titolo, dal finanziamento pubblico. Non so, onestamente, se nelle stesse vostre condizioni avremmo fatto l'identica cosa. In linea di principio posso affermare che abbiamo un’idea diversa della politica e del ruolo che i politici debbano svolgere. Io credo, infatti, che più che mettere in atto azioni che hanno certamente un rilievo importante per la persona destinataria, ma che poco hanno come capacità di incidere nella vita reale della collettività, invece di fare ciò, dicevo, un Partito politico e i suoi rappresentanti dovrebbero attuare delle iniziative che corrispondano alla tutela degli interessi di tutta la comunità. Nella fattispecie, a proposito del problema casa, che è comune anche a chi non ha avuto il marito spinto al suicidio, il mio Partito ha un progetto, il Mutuo Sociale, che abbiamo presentato e che, se attuato, da solo contribuirebbe in modo consistente alla soluzione del problema casa in Italia. Ecco, a mio modo di vedere, un metodo giusto di operare, che magari sarà lontano delle telecamere, che magari non avrà il rientro pubblicitario che può avere la donazione di una casa a una famiglia indigente, ma che certamente avrà un effetto positivo sulla vita di moltissime famiglie italiane. Onorevoli Deputai, immagino che non conosciate il progetto del Mutuo Sociale, in genere le proposte del MSFT non sono prese in considerazione nemmeno in casi come questo in cui la conoscenza e l’applicazione della proposta missina potrebbero essere risolutive per un annoso problema, per milioni d’italiani, come quello della casa. Il progetto del Mutuo Sociale prevede la costruzione di case, su terreni di proprietà del Demanio (quindi terreno a costo zero), la vendita a prezzo politico delle case realizzate a quanti, in apposita graduatoria, ne abbiano diritto. L’ente costruttore, Provincia, Regione, Stato che venderebbe a costo politico, senza scopo di lucro (cosa che abbatterebbe ulteriormente il costo finale) a quanti, da apposita graduatoria, ne avessero diritto, sarebbe proprietario dell’1% dell’immobile. La proprietà dell’1% all’Ente pubblico garantirebbe contro la possibilità di alienazione della casa che può essere ereditata ma non venduta se non all’Ente costruttore. Il mutuo necessario per l’acquisto della casa, secondo il progetto del Mutuo Sociale, deve essere erogato a tasso agevolato e sospeso qualora il contraente non sia in condizioni di continuare a pagare, per essere riattivato quando le condizioni lavorative del contraente lo consentono. La casa acquistata con il Mutuo Sociale non può essere assoggettata a pignoramento. Queste in breve sintesi i punti salienti del progetto Mutuo Sociale che il MSFT ha da tempo elaborato. Vista la vostra propensione a contribuire a risolvere il problema casa, perché il tutto non resti una splendida operazione di marketing politico, vi invito a un incontro nel quale possiamo discutere del progetto sopra menzionato, e avviare insieme quelle azioni che possano portarlo all’adozione da parte del Governo regionale siciliano prima possibile. Dopo il gesto, bello, del regalo della casa alla famiglia, adesso un’azione concreta verso tutte le famiglie siciliane che vivono il dramma della mancanza di una casa. Mario Settineri Segreteria Nazionale MSFT (federale)

Stabilità 2016: ecco le misure in materia di tasse sulla casa

18/12/2015 11:46 - Legge di Stabilità 2016: dopo l'abolizione della TASI sulla prima casa, arriva uno sconto anche per le seconde case. L’IMU si pagherà al 50% nel caso in cui l’abitazione sia data in comodato d’uso ai figli (sempre che la casa si trovi nello stesso Comune e che i figli vi assumano la residenza). L'emendamento si aggiunge alla soluzione embrionale introdot (fargelli)

Attendere...
  • utente non registrato
    0 voti    
    Ultimo Commento


    inviato da utente non registrato - 07/08/2009 - 13:17
    DECRETO ANTICRISI dl 185/2008
    ho ricevuto una lettera della BNL con cui mi inviato a presentarmi presso i loro sportelli... risultato:
    La consulenza non è a conoscenza della normativa e vagano tra una telefonata e l'altra per venirne a capo. Ci hanno invitato a tornare in autunno visto che ora devono andare in ferie... mah...

Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...