I Talebani e gli orrori dell’Occidente di Massimo Fini

3 anni fa Mi stupisce che Camillo Langone, giornalista proteiforme che stimo e al quale devo, se non ricordo male, una delle migliori interviste che mi sono state fatte, non si renda conto che la sua critica è, in realtà, un elogio.
Scrive che molti dei pezzi raccolti in La Guerra Democratica appartengono, più o meno, al pleistocene [...]
(Continua...)
vincenzosofo
nella categoria Politica
Altri articoli di possibile interesse:

L'orrore di Layers of Fear arriva in versione finale il 16 febbraio; nuovo trailer

21/01/2016 08:19 - Se avevate preso la versione Game Preview di Layers of Fear e siete ansiosi di scoprire come finisce la storia, sappiate che potrete presto potrete vestire nuovamente i panni del folle pittore nella sua villa degli orrori: Bloober Team ha infatti annunciato che la versione finale del gioco arriverà il 16 febbraio. Per chi non l'avesse ancora preso è ancora disponibile per l'acquisto la versione Game Preview del titolo, che al prezzo di 12,99 Euro vi permetterà di ottenere anche la versione finale fra tre settimane. (neural)

Il sottopasso degli orrori in via Flaminia

14/12/2015 12:41 - Cartacce, scatoloni, bottiglie di plastica, buste di rifiuti, feci umane, topi e tanto, tanto tanfo. Scenario da girone dantesco sviluppatosi in via Flaminia, dentro un breve tunnel di attraversamento che chiamarlo tunnel degli orrori è solo un eufemismo. Eppure tutti i giorni lo usano decine di studenti. (vignaclarablog)

Addio a Massimo Ottolenghi, antifascista, avvocato e scrittore

19/01/2016 12:17 - Leggi Addio a Massimo Ottolenghi, antifascista, avvocato e scrittore su GraphoMania. È morto Massimo Ottolenghi che ha partecipato alla Resistenza e, dopo essere stato avvocato, si è dedicato alla scrittura di libri. Il post Addio a Massimo Ottolenghi, antifascista, avvocato e scrittore è stato scritto da Roberto Russo ed è pubblicato su GraphoMania blog magazine della Graphe.it edizioni (robo71)

LETTURE CONSIGLIATE: “Trilogia della città di K.” di Agota Kristof

03/01/2016 15:39 - Lo spietato ritratto di due bambini durante un conflitto non specificato, in una paese distrutto dalle bombe. Agota Kristof descrive senza peli sulla lingua gli orrori vissuti dai protagonisti, con tutta la sofferenza di chi, come l'autrice, è dovuto fuggire dal proprio paese natale. (clodpest_eastjournal)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...