Caro Minniti, non siamo cattivi maestri

Caro Minniti, non siamo cattivi maestri

Ai tempi delle Brigate rosse quell'espressione indicava chi ispirava od orientava la vasta area di militanti che, pur non aderendo alle azioni armate dei brigatisti, ne condivideva, parzialmente o in toto, la scelta ideologica. Oggi il termine continua a venir utilizzato per indicare quanti nell'ambito del fondamentalismo islamico esercitano quella propaganda dell'odio che contribuisce a regalare sostenitori e militanti alle fazioni jihadiste. Chi oggi si contrappone allo ius soli è ben lungi dal voler sovvertire Stato e istituzioni. Chi critica tempi e modi di quel provvedimento ritiene piuttosto che Stato ed istituzioni debbano essere più forti e strutturati al fine di sopportarne l'eventuale entrata in vigore.

Altri dettagli
mp37vi
nella categoria Politica
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Attendere...