Proteine della soia per aiutare il metabolismo dei grassi

3 anni fa Obesità e alimentazione, un connubio sempre più importante.
Il nuovo alimento prodigio, significativo aiuto per il fegato delle persone obese, secondo i ricercatori dell'Università dell'Illinois, è la soia.
Le proteine di questo legume, infatti, sembra siano in grado di ridurre l'accumulo di grasso e di trigliceridi che, nelle persone obese, si viene a verificare nel fegato.
(Continua...)
ingusto
nella categoria Salute
Altri articoli di possibile interesse:

Il cenone di Natale: Quanto ingrassiamo?

25/12/2015 11:55 - Dopo il bombardamento mediatico, la diretta responsabilità di carboidrati, soprattutto zuccheri, nell’obesità e’ chiara: il nostro organismo usa glucosio ,uno zucchero monosaccaride, per produrre energia necessaria per lo svolgimento di tutte le attività biologiche. Il glucosio in accesso, attraverso varie vie metaboliche viene convertito in polisaccaridi come il glicogeno del fegato o peggio ancora in acidi grassi, i principali responsabile di malattie cardio-vascolari. E che dire delle famose proteine animali? Secondo le ultime notizie dagli scienziati le proteine animali, soprattutto quelle contenuta nella carne rossa, sono altamente cancerogene, lo dimostrano gli studi epidemiologici condotti. Che dire? Piu’ che vacanze spensierate e pranzi e brindisi a gogò, qualche pensiero in piu’ sulle nostre abitudini alimentari, anche in tempo di festa, sarebbe un vero tocca santo per il nostro organismo. (biopills)

Scoperta una proteina amica della memoria

21/12/2015 23:12 - Identificata la proteina che stabilizza nelle sinapsi i recettori fondamentali nei meccanismi di plasticità neuronale e di consolidamento della memoria a lungo termine. Il lavoro dell’Università Statale di Milano è su Nature Communications: http://www.nature.com/ncomms/2015/151218/ncomms10181/fig_tab/ncomms10181_F2.html   Il glutammato è un aminoacido fondamentale per il metabolismo del cervello, è il principale neurotrasmettitore eccitatorio a livello del sistema nervoso centrale: molte malattie neurodegenerative sono caratterizzate...(continua) (salutedomani)

Come una proteina aiuta i primati a combattere l’HIV

26/01/2016 00:41 - SCOPERTE – Una parte della proteina TRIM5alpha, comune a tutti i primati e agli esseri umani, può aiutare nella lotta contro l’HIV. Agisce contro il virus e allo stesso tempo attiva il sistema immunitario, il che la rende un potenziale punto di partenza per future terapie antivirali. La scoperta è stata da poco pubblicata in open-access sulla rivista Heliyon, da un gruppo di ricercatori internazionale che ha studiato l’attività della proteina su un gruppo di macachi Rhesus (la specie Macaca mulatta). Ma questo meccanismo d’azione sui virus era oggetto di studi da alcuni anni e gli scienziati avevano iniziato a identificare le sue componenti che sono responsabili della risposta contro l’HIV. A fronte degli ultimi dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, continuare a fare ricerca è più urgente che mai. TRIM5alpha intercetta il virus dell’HIV e ne interrompe la replicazione, impedendo che vada a infettare altre cellule. L’ipotesi dei ricercatori è che allo... (oggiscienza)

ECCO COME GLI USA HANNO AIUTATO AL QAEDA E ISIS

05/12/2015 14:53 - di DANIEL J. SANCHEZ* Aiutare gli alleati di al Qaeda e dell'Isis prevedibilmente ha aiutato al Qaeda e l'Isis medesimi. Inoltre, il contributo era già stato letale a quel punto, sebbene coperto ed indiretto. E aiutare i loro alleati non è solo un'aiuto strategico ad al Qaeda e all'Isis, ma anche in termini di potenza militare. Come Justin Raimondo ha … (movimentolibertario)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...