Treviso, malato di Sla muore facendosi addormentare: “Non voglio più soffrire”

Treviso, malato di Sla muore facendosi addormentare: “Non voglio più soffrire”
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Dino Bettamin, macellaio 70enne di Montebelluna, in provincia di Treviso, da cinque anni malato di Sclerosi laterale amiotrofica (Sla), ha deciso di essere sottoposto a "sedazione palliativa" ed è morto.

"Voglio dormire fino all’arrivo della morte, senza più soffrire". E così, su sua richiesta, Bettamin ha smesso di vivere facendo rispettare anche il suo rifiuto a qualsiasi trattamento, compresa la nutrizione artificiale. L’uomo è deceduto il 13 febbraio.

Il suo, come riportano i media locali, è il primo caso di "sedazione profonda" somministrata ad un malato di Sla.

"Non si parli di eutanasia: il paziente può chiedere di sospendere certe terapie perché oltrepassarle sarebbe un accanimento terapeutico". Lo dice il direttore generale dell’Ulss 2 Francesco Benazzi sul caso di Dino Bettamin. "Dal punto di vista etico – puntualizza – i nostri medici hanno la strada segnata del Comitato di bioetica".

Per Benazzi, gli operatori sanitari nello specifico "hanno assolto il loro compito in scienza e coscienza.

osipensaosicrede01
nella categoria Scienza e Tecnologia
Attendere...