Come pulire i mobili in legno

Come pulire i mobili in legno
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

Il legno è un materiale naturale molto resistente all’usura ma che però ha bisogno di qualche accortezza in più per evitare che perda la sua lucidità e brillantezza. Spesso, infatti, la polvere tende a depositarsi sui mobili di legno che, se non puliti regolarmente, cominciano ad opacizzarsi e il legno inizia ad invecchiare precocemente.

Quando la polvere si deposita sui vari complementi d'arredo in legno, oltre a formare quella indesiderata patina chiara, tende anche a penetrare nelle fibre, asciugandole eccessivamente e invecchiando precocemente i mobili. Come evitare tutto questo? Niente di impossibile: è semplicemente necessario trattare adeguatamente la mobilia, eseguendovi abitualmente una facile manutenzione. Ecco qualche consiglio che potrà tornarvi utile.

Prima di cominciare a pulire un mobile in legno, quest’ultimo deve essere sottoposto ad una pulizia preliminare per eliminare le tracce di sporco più superficiali e agevolare le fasi di pulizia successive. Sul mobile da lucidare e ravvivare non ci deve essere nessuna traccia di polvere o sporco.

La routine di pulizia quotidiana prevede lo spolvero con un panno pulito, asciutto. Usa un panno pulito e strofina il mobile allentando e togliendo ogni residuo dalla superficie. Non usare i piumini da spolvero perché possono graffiare il legno, limitati a uno straccio.

A meno che i tuoi mobili non abbiano una patina in plastica, evita di pulirli con acqua o detergenti non specifici per il legno. Leggi sempre attentamente le istruzioni sull'etichetta dei prodotti scelti e prova ogni detergente e tecnica in un angolo poco in vista per assicurarti che non danneggi il legno.

Come regola generale quindi, non dovresti mai usare troppa acqua, ma se non puoi farne a meno, non lasciarla sul legno per molto tempo; l'acqua fa crepare e deformare il materiale.

Per la pulizia usa dell'acquaragia, infatti questo diluente per vernici è perfetto per sciogliere la sporcizia incrostata. Versane un po' sullo straccio e strofina delicatamente quest'ultimo sul mobile. Sebbene l'acquaragia sia sicura per la maggior parte dei mobili moderni, dovresti provarla su un angolo nascosto (sul lato inferiore o all'interno di una gamba della sedia) per accertarti che il legno non reagisca negativamente.

Rimuovi macchie oleose o appiccicose sul legno (non laccato) con una soluzione di sapone o detergente delicato mescolato ad acqua, usando uno straccio per tamponare la zona attorno alla macchia. Una volta che la macchia è stata eliminata, lava via il detergente con un panno asciutto.

Se il legno è naturale, quindi non verniciato, il primo problema di manutenzione dopo averlo spolverato bene è nutrirlo in profondità affinché possa essere impermeabilizzato, in modo da evitare di danneggiarsi a causa di macchie, ma anche perché non si screpoli, e non perda luminosità.

Versa sul legno una quantità abbondante di cera per mobili spalmandola in direzione delle venature del legno con una stamigna. Quando hai finito lucida la superficie con un altro straccio.

Articolo consigliato da Cleaning Farm, impresa per pulizie uffici a Milano, operativa in tutta la Lombardia.

egolem
nella categoria Cultura e Spettacolo
Attendere...