Licenziato dalla Cgil

Licenziato dalla Cgil

 Filannino viene licenziato quando a luglio del 2014 i dipendenti a tempo indeterminato risultano segnati in ferie, anche se tutti erano regolarmente dietro le scrivanie. Luglio, peraltro, è un periodo pieno per le pratiche fiscali: non è che l’averli segnati in vacanza era volto a ottenere gli ammortizzatori sociali dall’Inps? Nello stesso periodo, infatti, non sarebbero stati nemmeno versati i contributi, evidenza confermata da una dichiarazione di mancanza di liquidità fatta dal Caf.

Non basta. Perché la Guardia di Finanza sta indagando (a seguito di un esposto) su compilazioni non necessarie di 730 e Isee per cui è previsto un rimborso da parte dello Stato. Gran parte degli introiti dei patronati, infatti, nascono dai soldi versati dall’Inps e dell’Agenzia delle Entrate per le pratiche di 730 e Isee. Una manna dal cielo. Soprattutto per gli imbroglioni. Pare che nei Caf (prima che l’Inps ponesse rimedio) venissero compilati Isee per più componenti di una stessa famiglia. Ottenendo così i rimborsi. Stessa storia per i 730 inutili, redatti convincendo le persone che si presentavano al Caf per altri motivi a fare anche il 730 tanto non lo paghi. Peccato finisse sulle spalle dei contribuenti che versano le tasse.

 

Maggiori dettagli
mp37vi
nella categoria Politica
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Attendere...