Casu martzu, il formaggio marcio. O di marzo?

Casu martzu, il formaggio marcio. O di marzo?

Forse uno dei più noti formaggi sardi dopo il pecorino, il “casu martzu” è un prodotto molto ricercato ma di scarsa reperibilità. Ma è vietato oppure no?

Casu Martzu o casu fracicu?

La differenza, a primo acchito, sembrerebbe minima.

Entrambi i termini (martzu e fracicu) indicano la parola italiana “marcio”. In realtà solo il secondo viene tradotto univocamente in questo modo. Il primo, invece, indica anche un mese dell’anno: il mese di marzo. Per quanto possa sembrare un esercizio linguistico, in realtà “martzu” è un ben preciso periodo dell’anno, l’inizio della primavera, ossia il periodo in cui il formaggio marcio viene “prodotto”. Infatti è a partire dalla primavera che il formaggio viene esposto alla lavorazione naturale della mosca casearia (in realtà un moscerino), la piophila casei. 

Ulteriori informazioni sullo stesso argomento
lfk1974
nella categoria Salute
Attendere...