CORSO BARMAN – Ostriche al limone (pesce)

46 voti

3 anni fa - CORSO BARMAN – Ricette brillanti per preparare un aperitivo a regola d’arte. Tante idee per finger food e stuzzichini. Come preparare Ostriche al limone Aprite le ostriche e lavatele in acqua salata molto fredda. Se l’ostrica è buona si presenta sottile e senza sostanza lattiginosa all’interno. Tagliate il limone a spicchi. Sistemate il sale grosso sul … Continua la lettura » (Leggi l'Articolo)

bartendertrainer
inviata da: bartendertrainer - Categoria: Spettacolo... - Fonte: http://www.bartendertrainer.it

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Pesca eccessiva? Il WWF propone delle soluzioni

Nel solco della tradizione, al di la della festa, Slow Fish anche quest’anno ha dato spazio alle iniziative per promuovere la sostenibilità della pesca. Il pesce è pescato in maniera eccessiva. Solo il 25% degli stock principali di pesce pescato al mondo riescono a sopperire allo sforzo di pesca con la riproduzione. Gli altri sono […] (tuttisostenibili)

Acquario: Crea il tuo ecosistema

”Un acquario è un ecosistema, avere un acquario è avere la vita nelle proprie mani”. L’acquariofilia è un hobby che consiste nell’allevamento di pesci, invertebrati o piante, questa pratica è molto antica, infatti, l’allevamento di pesci è un’attività che affonda le proprie radici nella storia dell’uomo. Da millenni i pesci sono stati allevati come fonti di cibo o per semplice ornamento, basti pensare ai monasteri nell’Europa medievale, da decenni l’allevamento di pesci è mutato in una minuziosa quanto mai scientifica ricostruzione di un ecosistema. (biopills)

Pesce fresco al ristorante? non è sempre così, anzi!|

Più di 2 pesci su 3 consumati in Italia provengono dall’estero. E ma spesso viene spacciato come Made in Italy il pesce importato, anche perché al ristorante non è obbligatorio indicare la provenienza. E’ quanto denuncia Coldiretti Impresapesca in occasione dell’incontro “Le frodi: dal mare alla tavola” organizzato a Slow Fish iniziato a Genova nel “Porto Antico” con la costituzione del Comitato scientifico Ambiente mare e acque interne. Ma i ristoratori rispondono: “Noi capro espiatorio. Non abbiamo alcun interesse a frodare nostri clienti”. Dal pangasio (giuliano)

Il pesce zebra produce da solo la sua “crema solare”

Come noi, gli animali e le piante devono proteggersi dagli effetti negativi del sole. Alcuni sono più avvantaggiati di altri perché dotati di uno schermo totale naturale. Fino adesso, gli scienziati pensavano che gli animali, come i pesci, si procuravano queste “molecole anti-UV” attraverso la loro alimentazione. Ora, i ricercatori della Oregon State University hanno dimostrato che questa ipotesi non è valida. Lo studio, pubblicato il 12 maggio 2015 nella rivista eLife, dimostra che il pesce zebra (Danio rerio) fabbricherebbe da solo la sua proteina UV e che non sarebbe il solo animale ad avere questa capacità. Tutto il mondo è protetto…tranne noi! Le alghe, i coralli e alcuni invertebrati costruiscono da soli le loro molecole anti-UV, chiamate MAAs, grazie a tre enzimi specifici (in teoria, questo processo non riguarda i vertebrati). Tuttavia, i ricercatori hanno trovato nel pesce zebra un gene responsabile della sintesi di un enzima simile,... (ondenews)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...