Dal 10 luglio blackpills è fruibile anche in Italia

Dal 10 luglio blackpills è fruibile anche in Italia

Fondata da Daniel Marhley (fondatore di Deezer) e Patrick Holzman (fondatore di Allociné, direttore di Canalplay e Canal + International), blackpills - nuova azienda di media digitali che crea, produce e trasmette formati brevi, radicali e coinvolgenti per giovani adulti finalizzati ad un consumo per periferiche mobili - dopo aver rilasciato la propria applicazione poche settimane fa in Europa, Stati Uniti e Canada, così come su Vice con un canale esclusivo in circa venti Paesi, è adesso disponibile gratuitamente anche in Italia su Apple Store e, tra pochi giorni, anche su Google Play.

Con blackpills viene lanciato un media digitale mobile first, dedicato alla fruizione anzitutto attraverso smartphone, pensato per giovani adulti che sono soliti portare con sé il proprio cellulare ovunque vadano.

E per tale motivo, blackpills crea programmi pensati proprio per i piccoli schermi di questi dispositivi. Le serie visionarie e audaci hanno formati brevi e innovativi (dai 6 ai 15 minuti per episodio) e sono facili da guardare anche quando si è in movimento. In considerazione del pubblico a cui si rivolgono - adulto, giovane e spigliato - le serie blackpills utilizzano un linguaggio crudo, diretto e senza filtri, trattando argomenti come sesso, droga e violenza.

«Siamo lieti di entrare in un secondo mercato europeo dopo la Francia. Con il nostro lancio in Italia spiega Patrick Holzman, co-fondatore di Blackpills - non stiamo solo estendendo la nostra presenza a livello internazionale, ma stiamo anche offrendo ai Millennials italiani una possibilità del tutto nuova di fruire le serie. Il nostro obiettivo è produrre serie che presentino un'immagine autentica delle generazioni più giovani e che colpiscano l’utente attraverso contenuti crudi.»

Oggi i contenuti sono diventati la nuova dipendenza della generazione che va dai 15 ai 30 anni. Considerando che circa 700 milioni di Millennials in tutto il mondo divorano le serie su smartphone e tablet settimanalmente, blackpills sta soddisfacendo questo nuovo tipo di esigenza attraverso un piccolo schermo nelle tasche dei Millennials.

Ma l’interesse non è assicurato dal solo formato innovativo. In pochissimi mesi, blackpills ha radunato alcuni dei più grandi talenti internazionali tra autori, attori, registi, produttori e influencer digitali, come Zoe Cassavetes, Bryan Singer, Patrick J. Adams e James Franco. Offrendo una nuova serie originale ogni settimana, blackpills mostra una line-up estremamente forte.

blackpills fornisce immediatamente ai propri utenti accesso gratuito a tutte le serie con nuovi episodi ogni giorno. Il servizio trae valore dall’inserimento di video pubblicitari durante la visione di ciascun episodio. Presto sarà disponibile un’offerta premium.

Uno dei punti di forza della piattaforma è quello di non dipendere da un unico modello di distribuzione, sia esso OTT, media o compagnie di telecomunicazioni/mobile. In ogni Paese blackpills sottoscrive la migliore partnership per diffondere la sua piattaforma e condividere le sue serie, così come il suo DNA e il posizionamento del proprio marchio. Al momento le serie sono disponibili nella versione originale (inglese) con sottotitoli in italiano (tre tracce audio e sette lingue sottotitolate).

Dopo il mercato italiano, la piattaforma verrà lanciata, sempre nel mese di luglio, in altri tre Paesi europei chiave: Regno Unito, Spagna e Germania. Sono previsti ulteriori lanci in altri Paesi fino alla fine dell’anno.

Matteo Pani
nella categoria Scienza e Tecnologia
Attendere...