Recensione del film SHUT IN con Naomi Watts

Recensione del film SHUT IN con Naomi Watts
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr

In questo lungo fine settimana, con il ponte dell'Immacolata, è arrivato nei cinema italiani anche il nuovo film con Naomi Watts: SHUT IN.

Un thriller che voleva essere psicologico e scivolare nell'horror ma non riesce nel suo intento, a causa di uno schema prevedibile, che non riesce a coinvolgere nella trama la gente in sala. 

A causa di un incidente, una psicologa infantile decide di vivere in una casa , ovviamente isolata, col figliastro adolescente paralizzato, di cui si prende cura e lì riceve i suoi pazienti, finché un bambino sordo che ha in cura scompare.

Ed è allora che scopre di avere proprio in casa un pericolo mortale...

Shut in, una produzione tra Usa, Canada e Francia, è diretto da Farren Blackburn e vede come protagonisti, oltre Naomi Watts, Jacob Tremblay, Oliver Platt, Charlie Heaton, David Cubitt, Tim Post, Crystal Balint e Clémentine Poidatz. Distribuita da Notorious Pictures, la pellicola ha una durata di 91 minuti.

Ulteriori dettagli
masedomani
nella categoria Cultura e Spettacolo
Attendere...