Alessandro Gilioli: Sparite voi e i vostri lavoretti…

Alessandro Gilioli: Sparite voi e i vostri lavoretti…

da: http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/

Le cronache della politica raccontano oggi della determinazione assoluta con cui il governo e la sua maggioranza stanno lavorando per impedire il referendum sui voucher, che in teoria si dovrebbe svolgere il 28 maggio.

Non è difficile vedere le ragioni di questa corsa per impedirci di votare.

Una è quasi ovvia: c'è il rischio che anche questo referendum, così come quello sulla Riforma Boschi, si trasformi in un giudizio sul Pd. E su Renzi, che nel Jobs Act ha alzato del 40 per cento il tetto dei voucher, aumentandone la diffusione. Un bis del 4 dicembre non sarebbe esattamente utile a confermare la narrazione del "ricominciamo", "ci rialziamo", "ora rimontiamo come il Barcellona" che l'ex premier e i suoi hanno inaugurato al Lingotto.

Ma ce ne sono altre due, di ragioni per cui vogliono evitare il referendum, anche se meno visibili.

La prima è che la sinistra di questo Paese - allo stato dispersa e derisa - potrebbe giovarsi molto di una campagna elettorale su un tema concreto come il sottolavoro mal salariato. In altri termini, rischierebbe di crearsi a sinistra di Renzi qualcosa di meno raccogliticcio dell'attuale galassia di partitini e sigle. In ogni caso, una fetta di elettori troverebbe una sua casa in questa battaglia. Con l'aggravante che, se vincessero i Sì, questa casa troverebbe le sue fondamenta proprio in quel grande corpo intermedio - la Cgil - che i tre anni renziani hanno tentato di polverizzare.

Maggiori dettagli
eppursimuove_pink
nella categoria Politica
Facebook Twitter GooglePlus Pinterest Linkedin Tumblr
Attendere...