Gli americani abbattono un caccia siriano a sud di Raqqa

Gli americani abbattono un caccia siriano a sud di Raqqa

Quello che è certo è che domenica, un caccia siriano è stato abbattuto da un caccia americano a sud di Raqqa. Siriani e americani hanno confermato entrambi l'accaduto, fornendo però una diversa versione dei fatti.

Nel comunicato dell'esercito siriano diffuso dalla tv di Stato, si ammette che un suo aereo è stato abbattuto domenica pomeriggio nei pressi di un villaggio chiamato Rasafah e che il pilota risulta disperso. Questo è il primo primo abbattimento di un caccia siriano da parte degli Stati Uniti dall'inizio del conflitto nel 2011.

L'attacco - prosegue la nota dell'esercito - è un evidente tentativo di minare gli sforzi dell'esercito siriano, unica forza capace insieme ai suoi alleati di contrastare il terrorismo in tutto il suo territorio.

E tale attacco avviene proprio nel momento in cui l'esercito siriano e i suoi alleati stanno ottenendo evidenti progressi nella lotta contro lo Stato islamico.

Di altro avviso la versione americana. Secondo il comando statunitense, il caccia siriano, un SU-22 è stato abbattuto nei pressi di Tabqah, a scopo difensivo per proteggere i combattenti delle forze democratiche siriane, supportati dall'esercito USA.

Le forze di regime pro-siriane avevano attaccato in precedenza, a sud di Tabqa, le forze democratiche sirianee ferendo alcuni dei loro combattenti e facendoli ritirare dalla città.

Gli aerei della coalizione hanno fermato l'avanzata. È a quel punto che è intervenuto il Sukhoi siriano che ha sganciato alcune bombe in prossimità delle forze di supporto statunitensi. A supporto è intervenuto un F/A-18E Super Hornet che ha abbattuto l'aereo siriano.

Prima dell'abbattimento, la coalizione aveva contattato telefonicamente i russi attraverso una linea predisposta ad hoc, nei termini di una procedura concordata al fine di evitare quanto accaduto, ma stavolta non pare aver funzionato.

Mauro Sartini
nella categoria Esteri
Attendere...