Foibe: il contributo di sangue delle donne Italiane. (di Claudia Cristaldi)

Foibe: il contributo di sangue delle donne Italiane. (di Claudia Cristaldi)

Care donne, voglio parlarvi del 10 febbraio, Giorno del Ricordo, ricorrenza in cui commemoriamo i martiri delle Fobie. 
Da donna, voglio ricordare tutte le italiane uccise dai partigiani comunisti agli ordini di Tito.
Il contributo di sangue versato dalle donne infoibate è stato grande e particolarmente significativo.
Tra queste le sorelle Radecchi, Fosca aveva 16 anni, Caterina 19 e Albina ne aveva 21. 
Le sorelle Radecchi furono arrestate dai partigiani nei giorni successivi l'8 settembre 1943, furono trasportate a Barbana, ove furono impiegate come sguattere.In questo periodo furono violentate varie volte, fino a quando si decise la loro eliminazione; Secondo la ricostruzione, fra il 2 al 5 ottobre (giorno dell'uccisione) esse furono nuovamente violentate e seviziate dai loro carcerieri.Voglio accomunare nel ricordo anche Norma Cossetto.

Norma era una studentessa universitaria fu arrestata dai partigiani il 27 settembre 1943.
Quando fu interrogata e le fu chiesto di entrare nel movimento partigiano “No!” fu la sua risposta secca e decisa. 
La notte tra il 4 e 5 ottobre 1943 Norma e altre donne, prima di essere uccise furono violentate ancora una volta.Ecco perché mi rivolgo a tutte voi, donne italiane, affinché possiate prendere coscienza di questi avvenimenti, in modo tale che la Storia sia conosciuta e tramandata e perché il sacrificio supremo di queste donne non sia stato vano.

=====================
Claudia Cristaldi 
Responsabile Politiche Femminili 
Movimento Sociale-Fiamma Tricolore

federale
nella categoria Politica
Attendere...