Dichiarare di votare Sì è politicamente scorretto?

Dichiarare di votare Sì è politicamente scorretto?

L'Italia è un paese dove per sopravvivere si deve far finta di seguire la moda.

Nella lotta senza esclusione di colpi per il Si o il NO al prossimo referendum, si sta facendo strada l'opinione che il voto Sì, essendo considerato, a torto o a ragione, praticamente a favore di Renzi, sia politicamente scorretto.

Questo per il semplice motivo che in questo paese, dal dopoguerra in poi chi è al governo deve solo essere oggetto di critiche, e che coloro che a questa usanza non si piegano, di qualunque colore siano, vengono pertanto considerati - nella migliore delle ipotesi - poco svegli!

Al contrario di quegli altri, che sparando a zero a prescindere e senza nemmeno mirare, sui personaggi "in carica" sanno di dare la ben diversa impressione di essere MOLTO più furbi e di non farsi fregare ! Al grido di:"Ragazzi siam mica qui a pettinare le bambole!!!"

Questo a cosa porta? Porta che nel corso dei sondaggi, chi è intenzionato a votare Si, si guarda bene dal dichiaralo, per il timore di fare una "brutta figura", ma ripromettendosi, nel segreto dell' urna, di comportarsi diversamente e secondo le proprie convinzioni, con in più la soddisfazione di poter dire: "Ah sì? Io sarei il fesso che non ha capito niente ? Ora vi frego io."

Quindi, penso sia meglio diffidare di qualunque "sondaggio", visto che inoltre, negli ultimi tempi questi hanno dimostrato di essere poi solo vittime di clamorose smentite!

In questo caso, poi, come sopra detto, oltre che non esserci argomenti validi al di fuori di una riduzione sic et simpliciter di 200 magiapane a ufo, abbiamo anche un motivo in più per ritenere che i comportamenti effettivi degli elettori saranno ben diversi da quelli dichiarati!

razional-mente
nella categoria Politica
Attendere...