Il chow chow:il cane dell’imperatore

3 anni fa Questa è una delle razze più antiche esistenti.
L’origine è difficile da definire, quello che si sa è che è diventato conosciuto in Cina circa 2000 anni fa.  In Cina veniva molto apprezzato dagli imperatori per il suo formidabile fiuto e grande forza.
Veniva infatti utilizzato come cane da guardia, di caccia e da slitta. Non [...]
(Continua...)
petpassiontv
nella categoria Cronaca
Altri articoli di possibile interesse:

The Mermaid: il trailer del film diretto da Stephen Chow, il regista di Shaolin Soccer

12/12/2015 19:38 - Il 2016 sarà l’anno della sirene a quanto pare. La Walt Disney ha iniziato la lavorazione della versione con attori in carne e ossa del classico La sirenetta che avrà come protagonista Chloë Grace Moretz e anche dall’Oriente arrivano le ultime sulla nuova... [Continua a leggere] (velvet_cinema_italia)

Learn Why Companies Should Care About Spend Analytics

27/01/2016 08:09 - Anyone who has come into contact with Spend Analytics knows they can provide clear information on spending activity. While that can be useful, the reason companies should care about these types of analytics is the information they can offer goes beyond just spending. Specifically, it can help a company increase productivity. It can also boost savings by making it possible to streamline existing purchase-to-pay practices. (bellwethercorp)

With Education you can kill

18/12/2015 10:15 - Kombizz ha postato una foto: With gun you can kill terrorists. With Education you can kill terrorism. Malala Yousafzai (kombizz)

Non solo espressione del volto: come i cani riconoscono le emozioni altrui

18/01/2016 01:05 - WHAAAT? Il venerdì casual della scienza – Combinando le informazioni raccolte tramite sensi diversi (l’udito è solo uno di questi) i cani sono in grado di riconoscere le nostre emozioni in modo molto più raffinato e complesso del previsto. Questa capacità non era stata osservata in altre specie al di fuori della nostra e ne parla una pubblicazione su Biology Letters, a firma di un gruppo di etologi e psicologi dell’Università di Lincoln e di quella di San Paolo, in Brasile. L’idea è che i cani siano capaci di formare rappresentazioni astratte degli stati emotivi e negativi, che permettono loro di riconoscerli basandosi su qualcosa di ben più complesso delle nostre semplici espressioni facciali. I ricercatori hanno mostrato a 17 cani coppie di immagini e suoni che rappresentavano combinazioni diverse di espressioni in cani ed esseri umani. Quelle positive erano legate alla gioia, a momenti di gioco, quelle negative all’aggressività e alla rabbia. Senza alcun tipo di addestramento o... (oggiscienza)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...