Piante della salute, il Salice

Piante della salute, il Salice

Il Salice, pianta spontanea che si trova di frequente nelle nostre campagne, è da tempo entrato nella storia della medicina perché nella sua corteccia sono presenti molecole, i glucosidi salicilici, che sono i precursori metabolici dell'ormai mitico acido salicilico alla base del prodotto farmaceutico tra i più rivoluzionari del secolo scorso, l'aspirina.

Questo è l'ennesimo dato che, se mai ce ne fosse ancora bisogno, attesta il primato della Natura come fonte di ogni rimedio per raggiungere, mantenere e sostenere uno stato di benessere psico-fisico del nostro organismo.

La parte utilizzata del Salice a scopo medicinale è la corteccia dei rami che contiene oltre a glucosidi salicilici, anche flavonoidi e tannini.
In erboristeria si trovano integratori alimentari naturali a base di estratto standardizzato in salicina e la dose media giornaliera si attesta sui 150-180 mg.

I derivati della corteccia del Salice sono indicati come antinfiammatori, antireumatici e antidolorifici dato che inibiscono la sintesi delle prostaglandine responsabili degli stati infiammatori, della febbre e dei dolori.

A livello di avvertenze va ovviamente evitata l'assunzione in soggetti allergici all'aspirina.

L'estratto di Salice è normalmente ben tollerato a livello gastrico in quanto i glucosidi vengono attivati solo dopo aver superato la barriera gastrica.

Glucosidi simili a quelli del Salice sono presenti anche in altri piante quali l'Olmaria, la Betulla, il Pioppo e la Primula e pertanto soggetti allergici all'aspirina dovrebbero astenersi anche dall'assumere estratti di queste piante.

In gravidanza e allattamento resta valido il precetto di rivolgersi sempre a un medico esperto in Fitoterapia, mentre per tutti gli altri casi potete affidarvi all'erborista professionista che saprà personalizzare il consiglio salutistico in base alla vostra storia.

 

Maggiori informazioni su Clorofilla Erboristeria

 

marcoone
nella categoria Salute
Attendere...