Vittorio Giacopini: Parole al vento

57 voti

3 anni fa - Parole al vento di Vittorio Giacopini Una Weimar dello spirito o il Circo Oklahoma Si scrive ma è come spedire una lettera senza destinatari né indirizzo. Messaggi nella bottiglia, parole al vento. Tra l’atto del pensiero, il lavoro di scrittura, e il (minuscolo) pubblico destinato ad accogliere queste deliberatamente provvisorie ruminazioni, lo scarto potrebbe rivelarsi incolmabile. È comico, volendo, anzi ridicolo. È vero, il tempo non sta mai fermo, però oggi l’accelerare delle situazioni rende abbastanza improbabili profezie, mediocri congetture, divinazioni. Già l’articolo di quotidiano esce invecchiato, figurarsi le parole per un mensile. Il termine crisi (generico quanti altri mai però efficace) compendia questo modo nuovo di stare dentro il tempo, o di subirlo. Il paesaggio che ci circonda muta alla velocità della luce (o dei neutrini) e l’effetto più impressionante è... (Leggi l'Articolo)

tonino2308
inviata da: tonino2308 - Categoria: Politica - Fonte: http://www.sinistrainrete.info

Segnala se offensiva VOTA   COMMENTA

Altri articoli di possibile interesse:

Venti anni dal massacro di Srebrenica: 4 libri per non dimenticare

Leggi Venti anni dal massacro di Srebrenica: 4 libri per non dimenticare su GraphoMania. A vent'anni dal massacro di Srebrenica (11 luglio 1995) proponiamo alcune letture per non dimenticare quanto successo e, soprattutto, provare a capire. Il post Venti anni dal massacro di Srebrenica: 4 libri per non dimenticare è stato scritto da Roberto Russo ed è pubblicato su GraphoMania blog magazine della Graphe.it edizioni (robo71)

Canzoni stonate

Vi sfido. Vi sfido a non trovare tra le infinite stanze della memoria, una canzone che rievochi un tempo lontano. Un tempo collocato così indietro, rispetto agli altri, così poco sfruttato nel rito delle evocazioni segrete… In un attimo, note, parole, versi in musica, il presente annullato e quell’odore di bucato sulla pelle, il vento […] (susannah)

Il referendum greco e il futuro dell’Europa

La Grecia ha votato, e come spesso le è accaduto in questi ultimi anni lo ha fatto in mezzo alla tempesta, scossa da terribili venti che soffiavano da ogni direzione. Venti capaci, in Grecia come altrove, di spingere la barca verso la deriva, o gli scogli, forti abbastanza da spaventare chiunque, tali da influenzare l’esito del voto. E’ successo con ... (clodpest_eastjournal)

Grecia: il passo indietro di Varoufakis per facilitare accordo con i creditori

È di poche, ma chiare parole, il Ministro Yanis Varoufakis che ha annunciato a sopresa le sue dimissioni. Dopo la clamorosa vittoria del NO al referendum di ieri in Grecia, il tanto chiaccherato Ministro dell’Economia ha deciso di permettere . . . → Leggi (buongiornoslovacchia)

Attendere...
Non sono stati ancora inseriti commenti.
Puoi essere il primo ad esprimere il tuo parere sul contenuto di questo post.
Inserisci Commento
utente non registrato da utente non registrato
Attendere...